#mytravels. Nuits de rêve en Provence. 20


Provence


Le Saint Laurent
Saint Laurent des Arbres

Questo piccolo hotel fa parte della Chateaux & Hotels Collection e sorge nel paesino medioevale di Saint Laurent des Arbres a pochi km da Avignone.
Tutto è curato nei minimi dettagli e l’arredamento delle zone comuni e delle camere è a dir poco delizioso.
Noi abbiamo dormito nella stupenda Suite con terrazza: camera nei toni del rosso cupo con pesanti tendaggi e letto King Size,  salotto con pareti in pietra e travi a vista, e  terrazzina dotata di chaise longue.
La colazione è servita in cortile in un ambiente deliziosamente provenzale, con i tavoli apparecchiati in maniera trés chic, e prevede un piccolo buffet e delle crépes
preparate al momento.

C’è anche una minuscola piscina (purtroppo gelida) e una Jacuzzi.
[N.B. Ricordatevi di specificare se volete una camera per fumatori oppure no: i nostri amici, che hanno dormito nella Junior Suite in stile provenzale, ci hanno detto che c’era un forte odore di fumo nella stanza.]

Maison du Frene

Vence

Un posto da sogno: solo 4 Suites a tema il cui filo conduttore è  la passione dei proprietari per l’arte.
Una Masion d’Hotes colorata, affascinante e piena di charme che sorge in una minuscola piazzetta all’ombra di un frassino centenario, nel cuore di un paesino medioevale bello come una cartolina.
Un posto accogliente e conviviale dove si può fare colazione in cucina chiacchierando con i proprietari mentre si sorseggia un caffè e si sgranocchiano croissant.
Noi abbiamo dormito nella Suite Pop Art coloratissima e un po’ folle, disseminata di opere d’arte e di meravigliosi libri fotografici, ma abbiamo avuto modo di curiosare anche nelle altre stanze e devo dire che sono una più bella dell’altra.

WI FI gratuito in tutta la struttura, colazione offerta e prezzi piuttosto accessibili.
Un unico avvertimento: diffidate dei consigli di Thierry sull’argomento shopping!

bailing

Informazioni su bailing

Gypsetter, sognatrice, viaggiatrice entusiasta ed instancabile. La mia passione più grande sono i cavalli e il mio tesoro è Sero, un sauro di 25 anni con cui ho condiviso buona parte della mia esistenza. Come Emma Bovary anche io oscillo perennemente tra il mio lato mistico (che vorrebbe ritirarsi a meditare in un ashram indiano) e quello bohémien, il cui sogno nel cassetto è una chambre de bonne nel Marais.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

20 commenti su “#mytravels. Nuits de rêve en Provence.

  • utente anonimo

    Ciao Roberta cara,io vivo a Palermo ma il mio cuore e'nella bellissima e selvaggia Favignana.Siracusa e'un prezioso scrigno magico e l'area di Ragusa/Noto/Modica e'veramente un sogno ad occhi aperti,una immersione in un turbine di barocco,natura splendida e gelati streeepitoooosi :-)).
    Daro'sicuramente una lettura approfondita alla tag Bali,dove sono certa di trovare degli spunti particolarmente interessanti.
    Un abbraccio al profumo di zagara

  • BaiLing

    @Serena:
    wow, vivi in Sicilia! Che meraviglia!
    E oltretutto in un agrumeto… praticamente un sogno!
    In che zona della Sicilia vivi?
    Sono stata molte volte nella tua bellissima isola: per delle lunghe vacanze itineranti durante la mia infanzia (sempre a maggio, con un clima meraviglioso e tutti gli agrumi in fiore… ho dei ricordi bellissimi!), e poi in tempi piu' recenti a Siracusa per vedere le tragedie greche, a Palermo, a Favignana, a Messina e a Ragusa… tutti posti meravigliosi!
    Riguardo al tuo viaggio di laurea posso dirti che non ho amato particolarmente la Cina (ci sono stata alcuni anni fa con i miei genitori, con un tour di 3 settimane dei Viaggi dell'Elefante), ma ho adorato Singapore (dove sono stata due volte a distanza di molti anni) e Bali che e' uno dei posti piu' incantevoli che abbia mai visitato!
    Puoi leggere alcuni post sull'Indonesia cliccando appunto sulla tag Bali, qui nel mio blog.
    Un bacione cara :-***

  • utente anonimo

    Ciao Roberta,io in Sicilia ci vivo,e nello specifico in un agrumeto,in cui sono cresciuta e che amo molto.
    Sono in pieno accordo con te:i viaggi realizzati dopo un traguardo importante sono profondamente "simbolici".Il mio primo viaggio dopo la maturita' fu un tour durato un mese per tutta l'Italia(una sorta di mia personale re-interpretazione del settecentesco grand-tour!!!!),mentre in un'occasione importante relativa alla vita del mio fidanzato ci siamo auto-regalati un mese indimenticabile negli USA(che,tra l'altro adoro,in particolar modo New York,in cui sono tornata in un'altra occasione e per lungo tempo…).
    Per il mio viaggio di laurea mi auguravo di potermi recare a Bali e Singapore o Bali e Cina….ho le idee un po'confuse e rastrello brochure su brochure relative all'Oriente…dopo avere trascorso i 6 mesi precedenti ad adunare invece depliant relativi alla crociera sul Nilo(molto belle le proposte di Best-tours,tour operator dai pacchetti estremamente interessanti,raffinati,di nicchia).
    Ora ti abbraccio forte!!Corro a bere un bel Long Island Ice tea in giardino in compagnia di un buon libro!!
    Serena

  • BaiLing

    @Serena:
    Quanti bellissimi progetti di viaggio che hai per l'estate!
    Stupenda la Sicilia, mentre l'Olanda non la conosco molto (sono stata solo ad Amsterdam) ma mi ispirano molto i paesini sul mare e i mulini a vento… e poi quando penso all'Olanda mi viene in mente uno dei primi libri che ho letto da bambina "Pattini d'argento" e quindi la mia immaginazione diventa subito molto più fervida e romantica del solito!
    E wow… il viaggio di Laurea è davvero un momento speciale!
    Io dopo la laurea sono stata in Giamaica, mentre quando ho passato l'esame di iscrizione all'albo sono stata a Mauritius con la mia compagna di studio: credo che i viaggi fatti dopo traguardi così importanti siano i più belli, probabilmente perchè i più meritati.
    E riguardo all'Oriente non posso che concordare: amo l'India e il Sud-Est Asiatico più di ogni altro luogo :-)))
    Un bacione cara :-***

  • utente anonimo

    Mia cara,ti ringrazio per le copiose informazioni,che così gentilmente mi elargisci.Ho visitato il sito del delizioso albergo,che ha realmente le parvenze di un buen retiro,sara'senza dubbio fantastico in autunno!!!Lo champagne(mi riferisco al delizioso nettare :-))))  ),su di me ha effetti a dir poco "psichedelici"…ogni volta che vado a PArigi,trascorro meta'del tempo…ehm…direi "brilla"…non perche' io sia un'ubriacona :-))),ma perche'su di me,una coppa ,ha gia' un effetto assolutamente inebriante…poi,in questa condizione di affuscamento bacchico,mi lancio da Printemps o al piano terreno de La Fayette,tra le ciprie di Laura Mercier  ed i matalasse' delle Lady Dior,mentre il mio fidanzato mi corre dietro nel tentativo di esorcizzarmi dal demone dell'acquisto  " made in champagne "  :-))))).
    Una piccola fuga nella campagna francese e'al momento,tra i miei desideri piu'grandi,anche se,nll'immediato le mie mete sono altre:a fine Agosto mi attende un tour nella melanconica Olanda;mentre i primi di Agosto mi dedichero'qualche giorno di relax,mare e sole nella Taormina di Stendhal e Von Gloeden,in occasione della (spero) splendida rappresentazione della Turandot al teatro antico.
    Nel corso dell'inverno invece,mi attende,il tanto sospirato viaggio di laurea(direi,soprattutto,la tanto sospirata laurea) e mi piacerebbe molto andare in Oriente…..insomma anch'io amo vivere "con la valigia in mano"….
    Serena

  • BaiLing

    @Girovaga:
    Di Juan les Pins ho ricordi davvero brutti! Al liceo ho fatto una vacanza studio a Cannes e ci portavano in discoteca a Juan les Pins una volta alla settimana.
    Un posto orribile nelle impressioni di una diciassettenne deve essere spaventoso per un adulto!!!

    @Serena:
    Io non uso quasi mai Tour Operator per le vacanze, pensa che ho fatto tutto da sola anche per destinazioni molto particolari come l'India e l'Indonesia 🙂
    Riguardo allo Champagne posso darti alcuni suggerimenti.
    Per quello che riguarda il periodo credo che l'ideale sarebbe settembre, magari nel periodo della vendemmia: io sono stata ad ottobre ma faceva freddo e ha piovuto ininterrottamente per due giorni, e la campagna francese può essere molto deprimente quando piove!
    Riguardo al mezzo di trasporto ti consiglio una macchina a nolo.
    Io e le mie amiche siamo andate in treno, e da Parigi è comodo e veloce (anche se piuttosto costoso) ma poi ci siamo ritrovate bloccate a Epernay che non è un granchè come cittadina mentre la cosa veramente bella è girare la campagna e i paesini più piccoli, e soprattutto andare a degustare champagne nelle piccole cave.
    Noi abbiamo visitato la cave di Moet & Chandon a Reims (per le visite in lingua diversa dall'inglese o dal francese bisogna prenotare in anticipo) e senz'altro posso dire che vale la pena di fare la visita guidata in almeno una delle cantine più famose.
    Ma per degustare veramente qualcosa di speciale e che normalmente non si beve in Italia bisogna cercare qualche piccola cantina meno famosa perchè, come probabilmente saprai, gli champagne più famosi hanno la caratteristica di rimanere pressochè uguali a se stessi indipendentemente dall'annata, per essere sempre riconoscibili… ragion per cui degustare un Moet & Chandon (o un Tattinger etc…) non è poi questa gran sorpresa se conosci già il prodotto.
    Quindi se hai a disposizione una macchina ti basta andare in un info point di Reims o di Epernay, prendere qualche brochure di cantine, cave e domaine e farti il tuo itinerario di degustazione.
    Per dormire posso darti il link di un hotel molto bello di cui mi hanno parlato (io e le mie amiche abbiamo dormito in un albergo di poche pretese non avendo prenotato in anticipo)
    http://www.closdechassins.com/
    Il sito è anche in italiano e trovi delle informazioni sulle cave di champagne visitabili.
    Volevo anche darti l'indirizzo di un ristorante dove abbiamo mangiato in maniera davvero spettacolare ma non riesco più a trovarlo purtroppo 🙁
    Spero di esserti stata utile, per qualsiasi altra info chiedi pure!

    @Si-oux:
    Sono contenta che il mio post ti sia piaciuto!
    Un bacione tesora :-***

  • utente anonimo

    Nooooo che favolaaaaa!!!! che stupendi questi posti, grazie per la segnalazione e per il servizio fotografico completo ed esauriente, prendo nota e incrocio le dita per poterci andare anche io un giorno! 

  • utente anonimo

    Fantastico il foulard di Dumas!!!Non lo avevo visto fino ad ora:un'esplosione quasi orgiastica di colori!!Io adoro Hermes:i suoi foulard non sono semplicemente e grettamente un "must",ma un modo di essere,il riflesso speculare di un animi declinato nel bello e nella raffinatezza;sono veri capolavori di gusto…
    Tornando ad un'altra passione comune,cioe' i viaggi.Mi hai messo una pulce nell'orecchio relativamente alla regione dello Champagne e da ieri cerco ininterrottamente su Intenet tour operator che propongono questo delizioso iter,magari facendo base a Parigi.
    Ho trovato poco:o proposte forse un po'troppo dozzinali(come quella di Cityrama…) o addirittura troppo di nicchia.
    Roberta cara,posso domandarti se questa tua amabile "fuga" di qualche giorno e'stata organizzata da un tour operator o se hai fatto tutto da sola??E se,hai fatto tutto da sola ha qualche adorabile sugerimento da darmi?
    Grazie.
    Tua affezionata Serena

  • utente anonimo

    Ciao Roberta, per rispondere alla tua domanda sul mio viaggio a Cannes, posso dirti che- pur essendo un viaggio di lavoro- ho cercato di renderlo più piacevole scegliendo posti carini come Gaston&Gastounette o prendendomi delle "pause marine".
    Per quanto riguarda Antibes…volevo dedicare un post alle mie impressioni, ma poi ci ho rinunciato. Mi deprimeva anche il pensiero di doverne scrivere…Insomma Antibes proprio non mi è piaciuta e nemmeno Juan les Pins.
    Invece inerpicandosi con l'auto per le stradine che vanno a Cap d'Antibes la storia cambia: hotels e ville maestose, uno splendido panorama, una certa aria di austerità….insomma un'altra cosa!!

    Bye

  • BaiLing

    @Serena:
    Che bello! Un'altra appassionata dei mitici carre' di Hermes!
    In questo periodo sto meditando se ampliare la mia collezione con Fairytales, il foulard dedicato alle favole e disegnato da Philippe Dumas… pero' avevo promesso a me stessa di non fare piu' spese folli almeno fino a questo autunno!!!
    Un bacione e buona settimana :-***

    @M:
    Per Parigi posso consigliarti una sola cosa: anche solo per due o tre notti rinuncia all'albergo ed affitta un appartamento!
    E' tutta un'altra cosa… ti fa respirare la vera atmosfera parigina!
    Io ultimamente sono sempre ospite della mia amica che vive la', pero' posso consigliarti comunque due siti:
    http://www.rentapart.com/
    http://parisrendezvous.free.fr
    La prima agenzia l'ho sperimentata io stessa piu' volte trovandomi sempre molto bene, la seconda l'hanno sperimentata alcune mie amiche rimanendo anche loro molto soddisfatte.

    @D:
    Faccio ricerche in internet 🙂
    A volte incappo in degli hotel molto carini e particolari per puro caso, altre invece utilizzo dei siti specializzati.
    Alcuni dei miei preferiti sono:
    http://www.tablethotels.it/
    http://www.mrandmrssmith.com/
    http://www.i-escape.com/

  • utente anonimo

    Sono curiosa di sapere come fai a scovare degli hotel tanto originali!
    Hai qualche guida, o fai delle ricerche in internet?
    D.

  • utente anonimo

    Buongiorno Roberta cara!Ti ringrazio per i tuoi suggerimenti che seguiro'senz'altro.La regione dello Champagne deve essere una vera meraviglia…come del resto un po' tutta la nostra amatissima Francia….
    Ho dato un'occhiata al sito da te segnalato "Chateaux et Hotel" e sono letteralmente rimasta a bocca aperta:che luoghi da sogno!!!Sono un vero incanto!!!Meravigliosa poi la suddivisione per "tematiche" di viaggio:i soggirorni "Romantique" e "Gourmand" sono in assoluto tra i piu' invitanti,a mio avviso,insieme ai Festival musicali,altra passione che condividiamo(insieme ai foulard di Hermes!!!).
    Un abbraccio.Ti auguro una buona domenica.
    Serena

  • BaiLing

    @Cecile:
    Ammetto che avrei voluto dilungarmi di piu' a maledire Thierry 😛
    Specialmente dopo aver visto le foto dell'atelier Rondini sul blog di Giula di Rock & Fiocc!!!

    @Girovaga:
    Se poi consideri che io sono tutt'altro che appassionata di arte moderna!
    Pero' devo dire che in fatto di arredamento sono molto aperta e gli stili anche molto estremi o molto "carichi" mi affascinano particolarmente.

    @Cecilia:
    Grazie mille carissima :-)))

    @Serena:
    Ciao e benvenuta 🙂
    La Provenza e la Camargue sono entrambe molto affascinanti ma la distanza da Parigi e' tale da richiedere due giorni interi di viaggio tra andata e ritorno e quindi ti consiglio senz'altro di fare una vacanza un po' piu' lunga di quella che abbiamo fatto noi (almeno una decina di giorni) se vuoi avere anche un po' di tempo per rilassarti.
    Altrimenti da Parigi potresti fare una piccola escapade nella regione dello Champagne (ci ho trascorso un paio di giorni lo scorso ottobre e devo dire che, nonostante la pioggia, le visite ai Domaine sono state decisamente intriganti!) oppure in Alsazia che e' una regione davvero magica e bellissima.
    Un bacione e a presto :-***

  • utente anonimo

    Ciao Roberta,piacere di conoscerti!Seguo il tuo blog con grande interesse,mi piace molto ,trovo nel tuo gusto grande affinita'col mio!
    Meravigliose queste due chicche che ci hai mostrato!!!Un mio grandissimo desiderio e'proprio fare un bel tour della Francia,partendo dal Sud e risalendo fino a quel meraviglioso gioiello che e' Paris!!!
    Serena

  • utente anonimo

    Ciao Roberta. Wow!!
    Decisamente due scelte particolari. Due ambienti molto ricercati e "carichi" anche.

    Certo deve essere stato un bel salto passare dallo stile tradizionale e provenzale alla Pop Art.
    In ogni caso bene sperimentare 2 posti così fuori dal comune.
    Tra i due forse per il romanticismo andrei sul provenzale, anche se di solito le cose originali mi intrigano parecchio.
    Bye- GIROVAGA