#mytravels. Norvegia in pillole: cose imperdibili, cose inevitabili e colpi di fortuna. 14


I paesaggi norvegesi sono tra i più spettacolari al mondo (non per niente la definizione “dramatic landscape” ricorre continuamente negli opuscoli turistici di ogni località del Paese!) ma una vacanza in Norvegia purtroppo non è tutta rose e fiori… anzi!
– Prezzi.
La Norvegia è così assurdamente cara che posti come Parigi e New York possono essere definiti cheap al confronto di Oslo.
La capitale norvegese infatti, nella classifica europea delle città più costose, è seconda solo a Londra.
– Viabilità.
In Norvegia le autostrade praticamente non esistono e il fatto che una strada provinciale possa morire sulla banchina di un porto è ordinaria amministrazione.
Un esempio su tutti: la distanza tra Bergen ed Alesund è di 373 km per percorrere i quali occorrono circa 9 ore e 4 traversate in ferry-boat… praticamente un viaggio della speranza!

– Hotel.
Il livello generale è mediocre ma i prezzi sono pari al più chic dei Four Season: in Norvegia è normale spendere piu’ di 200 euro a notte per una camera standard ma potete scordarvi l’omino che vi aiuta con i bagagli, il lusso dei prodotti da bagno o delle pantofole in camera (della serie: come sopravvivere 10 giorni senza crema idratante), i buffet pantagruelici a colazione e spesso pure l’aria condizionata.
In compenso vi può capitare come niente di finire in overbooking o di arrivare in tarda serata in hotel per scoprire che la vostra camera è stata ceduta ad altri.
In qualsiasi altro paese europeo questi eventi sarebbero una tragedia capace di rovinare l’intera vacanza ma in Norvegia (dove il cliente ha davvero SEMPRE ragione) potete ritenervi baciati dalla dea bendata.
A noi per esempio è successo di dormire completamente gratis in una fantastica Suite da 350 euro a notte causa overbooking, e di veder sostituita la nostra banale camera standard con una Suite composta da 2 camere, 2 bagni e terrazza panoramica causa check in tardivo!

Norvegia
Se questi piccoli inconvenienti non vi hanno fatto passare la voglia di una vacanza tra i fiordi ecco un elenco di cose imperdibili.
Oslo.
– Shopping nel quartiere di Grünerløkka.

I miei negozi preferiti: Carma per i fantastici capi in seta cangiante made in Nepal (chic equo e solidale); la boutique del marchio danese Noa Noa; Chillout Travel Centre ovvero la mecca di ogni Viaggiatore avventuroso e non (un concept store a tema con tanto di agenzia viaggi incorporata); Fretex Unika per il vintage; Mitt lille hjem per le impalpabili camiciole di mussola e i porta candele a forma di fior di loto.


– Crociera nel fiordo di Oslo.
Per ammirare le centinaia di piccole isole e le stupende case di vacanza.

Zona dei fiordi.
Flåmsbana.
La parte più spettacolare di questa ferrovia di alta montagna è il tratto Flam/Myrdal (20 km percorsi in 1 ora, circa 45 euro a persona per l’andata e ritorno).
Durante il percorso il trenino fa una breve sosta davanti alla famosa cascata Kjosfossen.


– Crociera nel Sognefjorden con partenza da Gudvangen ed arrivo a Laerdal.
Durante questa crociera si può ammirare il Nærøyfjord uno dei bracci del Sognefjorden considerato patrimonio mondiale dell’umanità dall’UNESCO.


– La chiesa medioevale di Borgund vicino Laerdal che risale al 1150 ed è una delle più caratteristiche e meglio conservate del Paese.
– Lo sperdutissimo e minuscolo paesino di Undredal tra Flam e Gudvangen, dove potrete anche degustare i formaggi di capra prodotti da una simpatica signora francese.
– Una degustazione di birre artigianali all’Aegir Bryggeri di Flam.

Bergen.
– Il Bryggen ovvero lo storico quartiere sede della lega anseatica dal XIV al XVIII secolo.


– La meravigliosa veduta che si gode da Floyen.
Salite con la funicolare (evitando la partenza delle 8.30 perchè è quella dei bambini dell’asilo di Floyen e vi assicuro che non è una bella esperienza!) e scendete poi a piedi fino al porto attraversando prima un bellissimo parco e poi uno dei quartieri più graziosi di Bergen.

– La baia di Vagen al tramonto.

– Un po’ di shopping a tema nelle boutique di Bryggen: i gioielli e i manufatti in argento che riproducono oggetti vichinghi, lavorati a mano da artigiani locali sono stupendi e soprendentemente cheap.

Alesund.
– Il porticciolo affollato di yacht e barche a vela.
Dormendo all’Hotel Brosundet (uno dei più belli in cui abbiamo soggiornato e uno dei pochi che valesse davvero il prezzo pagato) potrete godervi lo spettacolo direttamente dalla vostra camera.


– Il faro di Alnes sull’isola di Godoya.
Potete miracolosamente arrivarci senza prendere neppure un ferry boat grazie ad una serie di ponti e tunnel e potrete gustare una colazione home made ed acquistare deliziosi souvenirs a tema prodotti da artisti locali nella minuscola boutique del faro.


– Solo fino al 15 agosto una delle escursioni proposte da 62º NORD come quella sull’Isola di Runde per vedere le pulcinelle di mare o quella serale con destinazione lo sperdutissimo faro di Ona.
– Due notti allo Storfjord Hotel di Glomset, per godervi la bucolica quiete delle Sunnmore Alps, fare scorpacciate di lamponi selvatici, arrampicarvi fino alla cima del monte Hautua per godere di uno dei paesaggi più incantevoli che si possa immaginare, concedervi una deliziosa cena gourmand e dormire come piccole principesse in letti a baldacchino tradizionali.


– La Trollstigen ovvero la strada dei Troll.
(deviazione della E136 Alesund/Oslo all’altezza di Andalsnes).
Mai la definizione dramatic landscape fu più appropiata!
Nonostante questo luogo sia una delle maggiori attrazioni turistiche di tutta la Norvegia conserva comunque il suo fascino selvaggio.


Per completare in bellezza l’escursione fermatevi a fare un pic-nic sulle rive dell’impetuoso torrente che attraversa la ridente vallata  di Isterdalen e non dimenticatevi di costruire il vostro piccolo dolmen di pietra.


Un ultimo consiglio spassionato.
Dormire nella zona dei fiordi può risultare una pessima esperienza quindi, se non avete nessuna voglia di sperimentare l’ebbrezza di spendere 180 euro  a notte per dormire in un tugurio in stile vichingo interamente tappezzato di linoleum, evitate come la peste il Gudvangen Fjordtell e prenotate con qualche mese di anticipo l’unico hotel decente della zona ovvero il graziosissimo e ben tenuto Flamsbrygga.

 


bailing

Informazioni su bailing

Gypsetter, sognatrice, viaggiatrice entusiasta ed instancabile. La mia passione più grande sono i cavalli e il mio tesoro è Sero, un sauro di 25 anni con cui ho condiviso buona parte della mia esistenza. Come Emma Bovary anche io oscillo perennemente tra il mio lato mistico (che vorrebbe ritirarsi a meditare in un ashram indiano) e quello bohémien, il cui sogno nel cassetto è una chambre de bonne nel Marais.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

14 commenti su “#mytravels. Norvegia in pillole: cose imperdibili, cose inevitabili e colpi di fortuna.

  • BaiLing

    @Sybelle:
    Il tuo post sulla Norvegia e' davvero ironico e divertente e devo dire che, curiosando un po' in giro per il tuo blog, l'ho trovato davvero delizioso!!
    Un bacione e speriamo di incontrarci di nuovo prima o poi 🙂

  • BaiLing

    @Crisitania:
    Grazie mille carissima, un bacione :-***

    @Isa:
    Quelle patatine sono state la mia croce: sono buonissime ed ero praticamente drogata!!!!
    Non vedo l'ora di venire a Firenze!!

    @M:
    Grazie mille! Sono contenta che le mie piccole guide di viaggio siano apprezzate 🙂
    Buon we anche a te!

  • utente anonimo

    E' sempre molto divertente leggere i tuoi consigli di viaggio, specialmente quando sono accompagnati da foto tanto belle!
    Complimenti e buon week end.
    M.

  • utente anonimo

    Wow, la prossima volta che vado in Norvegia mi segno gli indirizzi (soprattutto quelli sullo shopping a Oslo) che hai lasciato, grazie mille! È bellissimo rivedere la norvegia con le tue foto. Figurati che nell'ultimissima foto che hai postato c'è la mia marca preferita di patatine, sono così buone!
    Ho visto che hai risposto al mio ultimo post: allora ci si vede a Firenze!
    Ciao

    Isa

  • BaiLing

    @Irene:
    Essi', abbiamo proprio la stessa visione delle vacanze noi due 😉
    E, come ti ho scritto sul tuo blog, adoro i Four Seasons!
    La mia esperienza nell'hotel del Cairo e' stata superlativa sotto tutti gli aspetti quindi mi hai molto incuriosita parlandomi di questo hotel di Istambul (che fortuna che ha Paolo!!!)… tanto che vado a vedermi il sito!!!

    @Ms B:
    Amica che bello che sarebbe farne una professione!!! Gia' mi immagino a viaggiare per conto del mio giornale :-DDD
    Il cielo in Norvegia ha davvero una luce e una sfumatura pazzesca, e questo ricordo in particolare mi era rimasto dal mio precedente viaggio durante l'adolescenza.
    E quel sandwich… ebbene si' era buonissimo!!! Formaggio caprino, salmone, cetriolo, fogliolina di lattuga e pomodoro 😛

    @Lela:
    Il Brosundet e' stupendo… e soprattutto e' stupenda Alesund!
    Una citta' che vale davvero la pena di visitare.
    E sai che la strada dei Trolls ha fatto un po' paura anche a me?!? Continuavo a pensare "Oddio… se uno dei camper o degli autobus che si inerpicano va fuori strada e precipita di sotto fa una strage"!!! Anche perche' non ci sono barriere stradali o muretti a separarti dall'abisso ma solo una piccola fila di graziose pietre tonde!
    E anche la terrazza che si affaccia sullo strapiombo mi ha fatto un po' paura: a terra c'e' una grata che ti permette di vedere sotto nel vuoto…. brrr!!!

    @Verdementa:
    Ecco, una cosa che mi piacerebbe davvero tantissimo e' tornare in Scandinavia in inverno… mi fa pensare davvero ad un paese delle favole!

    @Irene:
    Grazie mille tesora!
    Un bacione anche a te :-***

  • utente anonimo

    Ma che meraviglia!!! Voglio tornare subito al nord e proseguire con la Norvegia!!
    Molti anni fa ci sono stata, ospite di uan famiglia che aveva una meravigliosa casa su un fiordo vicino a Oslo, una vera favola! C'era la neve ed era tutto ghiacciato, sembrava un paese incantato…

  • utente anonimo

    Perdindirindina! Che racconto dettagliato!! Ottima guida 🙂
    Per prima cosa le camere dell'hotel sono proprio come piacciono a me, ho visto anche il link dell'Hotel Brosundet: fantastico!
    La strada dei Troll mi fa paura!!!! Non credo di essere in grado di affrontare una strada del genere 😐
    Baci, Lela – seaseight

  • utente anonimo

    Continuo a ripeterti che come fai tu le recensioni delle vacanze quasi non le fa nessuno!  Sai rendere con una sintesi perfetta, l'idea di cosa valga la pena vedere, fare, dove convenga sostare, insomma, sei proprio brava! Fanne una professione!
    Le foto sono favolose…che bei posti…e che luce che ha il cielo! Peccato sia così costosa questa Norvegia. Poi, dovevi lasciarmi a fondo post questa favolosa foto dello spuntino norvegese????Dico io…sono le 13.30 e continuo a fissare quel sandwich!!! FAmeeeeeeeeeeeee!!! Un bacione bella…a presto! msbx

  • utente anonimo

    Le foto sono da mozzare il fiato, che posti magnifici!
    Se dovessi intraprendere un viaggetto da quelle parti terrò sicuramente presenti le tue indicazioni, mi sa che abbiamo una visione parecchio simile delle vacanze!
    Capisco perfettamente il tuo disappunto nel soggiornare in un albergo di poco conto pagando però cifre che dovrebbero riservarti tutt'altro trattamento…
    Mi è capitata una cosa simile a Parigi, lo stesso albergo che a NY era meraviglioso a Parigi era una schifezza, sporco e con un pessimo e scortese personale, il prezzo però mica era più basso…

    A proposito di alberghi, uno davvero favoloso è il nuovo four season  di Istanbul, si affaccia direttamente sul Bosforo, un vero gioiello! è aperto solo da un paio da anni, ci sono stata per una gran botta di fortuna con la società di paolo e devo dire che vale il costo esorbitante!