Aonie. 8


Collage_Aonie_02

Il marchio Aonie (parola greca usata per riferirsi alle nove Muse figlie d Zeus e Mnemosine) nasce nel 2008 dalla collaborazione tra le sorelle Paola e Consuelo Coti, spinte dal desiderio di creare gioielli fuori dal comune.
Le radici del brand affondano nella storia dell’arte e nella tradizione orafa italiana, reinterpretati con gusto contemporaneo. 

Aonie_jewels_07

Nel logo del brand i profili di Paola e Consuelo, coi capelli raccolti a crocchia, s’incontrano come due ali di farfalla.
E sono proprio le farfalle, insieme a pizzi, ex voto e mantra esistenziali i protagonisti di questi gioielli leggerissimi e delicati.

Aonie_jewels_08

Aonie_jewels_02

Piastre d’argento traforate, brunite, dorate o rosate vengono accostate a pietre naturali dai colori vivaci.
I pizzi vengono placcati in superfie come vere e proprie sculture in modo che i gioielli possano conservare la bellezza dell’anima di merletto sottostante e che ogni pezzo risulti un poco diverso dall’altro, con una propria “vita”.

Aonie_jewels_01

Come sapete adoro gli ex voto usati come gioielli e quindi potete immaginare come queste spille e questi orecchini delicatissimi mi abbiano immediatamente conquistata!
Un’altra collezione che ha toccato subito le corde della mia immaginazione è quella fw 2012-2013 dall’evocativo nome di Frida (e non è difficile immaginare il perché!), per non parlare della collezione ss 2013 Africa di cui potete vedere qualche dettaglio in queste immagini!
Aonie ha anche un suo corner su Yoox che vi consiglio di visitare.

Aonie_collage_01

Aoni_jewels_03

Le foto di questo post sono state scattate da Clarissa e Meggie, che hanno avuto modo di vedere dal vivo i gioielli di Aonie e che ringrazio come sempre per la preziosa collaborazione.

Follow on Bloglovin


Miss Bailing

Informazioni su Miss Bailing

Gypsetter, sognatrice, viaggiatrice entusiasta ed instancabile. La mia passione più grande sono i cavalli e il mio tesoro è Sero, un sauro di 25 anni con cui ho condiviso buona parte della mia esistenza. Come Emma Bovary anche io oscillo perennemente tra il mio lato mistico (che vorrebbe ritirarsi a meditare in un ashram indiano) e quello bohémien, il cui sogno nel cassetto è una chambre de bonne nel Marais.


Rispondi a sandra Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

8 commenti su “Aonie.