Forbidden Love. (Ovvero insensate disquisizioni a proposito di Tolstoj, Andrea Sperelli e Frou Frou). 22


ak16[ndr. Questo post doveva essere la più classica recensione cinematografica in cui vi avrei raccontato di come ho adorato Anna Karenina, di come i costumi fossero da urlo ed altre frivolezze del genere… e invece mi è un attimino sfuggito di mano.
Se avrete la pazienza di arrivare fino in fondo capirete il perché del titolo e di tante (troppe) parentesi tonde e quadre].

Finalmente ce l’abbiamo fatta: io e la mia amica P., dopo varie disavventure che non sto qui a narrarvi (vi basti sapere che i Cinema di Provincia sono il Male Assoluto), siamo finalmente riuscite a vedere Anna Karenina.

anna karenina02

Lo sapete che amo Keira e che adoro i film in costume e quindi potete benissimo immaginare come questo mi abbia fatta sospirare ed agitare sulla mia poltroncina dall’inizio alla fine.
Peccato che verso la fine, come vedremo tra poco, fossero tutt’altro che sospiri di felicità e che io abbia finito per covare un orribile risentimento verso Tolstoj che fino a 10 giorni fa mi stava pure simpatico, soprattutto grazie all’Eleganza del Riccio.
Ma andiamo per ordine.
Temevo che l’espediente di Joe Wright di girare il film sul palcoscenico di un vecchio teatro mi avrebbe mortalmente delusa e invece è stato l’esatto contrario: le scene iniziali, con le quinte che scorrono e le ambientazioni che cambiano repentinamente, sono a dir poco geniali.

anna karenina7

Il film è incantevole: grandioso, drammatico e struggente come il più classico dei balletti russi.
Avete mai assistito ad una messa in scena del Lago dei Cigni di quelle classiche, con le coreografie di Petipa (non le rivisitazioni moderne à la Matthew Bourne… vade retro)?!
Voilà: è esattamente la stessa emozione che ho provato davanti ai costumi, alle scenografie e alle coreografie (ebbene sì: gli attori si muovono sul palcoscenico come un corpo di ballo) di Anna Karenina.

anna karenina01

Insomma la perfezione se non fosse per il piccolo dettaglio sottolineato da Natalia Aspesi di Repubblica: come caspita è possibile che Anna preferisca a Karenin-aka-Jude-Law un conte Vronsky che (a voler essere gentili) è la copia sputata di Gene Wilder?!
Ma de gustibus non est disputandum e non è certo questo il dettaglio che mi ha amareggiato la tanto agognata visione!

anna karenina5

Cos’è successo quindi per urtare con tanta veemenza la mia suscettibilità?!?
Amiche e lettrici vi lancio un appello drammatico.
Lo sapete che io i film li vedo sempre in ritardo perché in Provincia escono solo i cine-panettoni e i c.d. “film coi botti” quindi d’ora in avanti, ogni volta che vedrete un film in cui ci sono cavalli che fanno una brutta fine (o anche solo cavalli che attraversano per puro caso la scena, così con nonchalance), vi prego di mandarmi un tweet o una email o un what’s app con su scritto “NON andare a vedere quel film”.
Perché poi io ci rimango non solo male, ma malissimo, se un cavallo fa una finaccia!
Specialmente se non sono preparata.

anna karenina3

E siccome (faccio mea culpa) il romanzo di Tolstoj non l’ho letto, non avevo la più pallida idea dell’esistenza di Frou Frou.
E quando è comparsa in scena, bianca come madreperla su fondo nero, con la sua criniera di seta e il suo dolce muso di velluto, sono quasi morta sopraffatta da un brutto presentimento: mi sono subito ricordata di come Dostoevskij avesse fatto morire un cavallo più o meno a pagina 10 del suo Delitto e Castigo, facendomi mettere una croce sopra a tutti gli autori russi fin dai 13 anni d’età.
E naturalmente manco avevo finito di fare questo pensiero e di strattonare il braccio della mia amica P. bofonchiando cose senza senso, che il buon Joe Wright provvedeva già a far morire Frou Frou con una scena che definire straziante è un eufemismo.

ak24

Ora siamo tutti perfettamente d’accordo che si tratta della più classica delle metafore (il damerino Vronsky, da bravo maschio egocentrico e superficiale, distrugge tutto quello che ama. Donne o cavalli che siano) ma dopo quella scena io il film ho smesso di godermelo! Ed ero così indispettita ed inacidita che, oltre a mettere in croce per tutto il tempo la mia povera amica P., ho cominciato pure a detestare Anna e tutte le sue bizze.
Così quando la nostra eroina, avvolta in metri e metri di seta color rosso cupo, ha fatto la fine che noi tutti sappiamo io me ne sono uscita con un laconico: “Bon, peggio per lei!”

anna karenina4

Comunque, fisime a parte, posso dirvi che se non avete una particolare predilezione per i cavalli vivi (visto? Sono passati 10 giorni e ancora non riesco a parlarne senza risultare acida), il film è bellissimo e che comunque alla fine non è colpa di Joe Wright, ma di Tolstoj.
[Che tra l’altro nel suo romanzo dimostra chiaramente di avere una conoscenza dell’anatomia equina che sfiora il ridicolo.
Caro Lev che un cavallo possa morire con la schiena spezzata a causa di una carrozza* del cavaliere rasenta il fantascientifico!
*Dicesi carrozza nel salto ostacoli il ritardo del cavaliere nel sollevarsi dalla sella al momento del salto, con conseguente impatto tra il suo deretano e la groppa del cavallo.

E te lo assicura una che, durante la sua carriera agonistica, di carrozze è stata una discreta esperta.]

anna karenina6

Fine del discorso? Eh, no!
Perché una volta tornata a casa, rimuginando ancora sul romanzo di Tolstoj (che non ho letto e a questo punto dubito leggerò), ad un certo punto ho avuto una folgorazione: Anna Karenina assomiglia in maniera inquietante ad uno dei miei romanzi preferiti di sempre: “Il Piacere” del mio amato D’Annunzio.
C’è il damerino superficiale (il molto sexy Andrea Sperelli), ci sono gli amori proibiti e disgraziati, ci sono le convenzioni, l’edonismo e la decadenza e ci sono naturalmente le corse dei cavalli.
Ma Gabriele si guarda bene dal far morire il prode Miching Mallecho!
Lui e Sperelli cadono, con gran disperazione delle dame presenti, ma si rialzano ILLESI… capito Lev?!?

Eh… abbiate pazienza amiche: e dire che quando ho iniziato a scrivere questo post volevo parlarvi dei costumi del film!

Follow on Bloglovin


Miss Bailing

Informazioni su Miss Bailing

Gypsetter, sognatrice, viaggiatrice entusiasta ed instancabile. La mia passione più grande sono i cavalli e il mio tesoro è Sero, un sauro di 25 anni con cui ho condiviso buona parte della mia esistenza. Come Emma Bovary anche io oscillo perennemente tra il mio lato mistico (che vorrebbe ritirarsi a meditare in un ashram indiano) e quello bohémien, il cui sogno nel cassetto è una chambre de bonne nel Marais.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

22 commenti su “Forbidden Love. (Ovvero insensate disquisizioni a proposito di Tolstoj, Andrea Sperelli e Frou Frou).

    • Miss Bailing
      bailing L'autore dell'articolo

      Se non ti piacciono i film in costume e neppure Keira decisamente non devi vedere questo film 😀
      Lo odieresti!!

  • sandra

    Ma tu lo sai che a me questo film ispira moltissimo? Ovviamente amo i film in costume e se me lo compari ad una coreografia di Petipa mi sa che potrebbe diventare uno dei miei preferiti.
    Purtroppo la storia la conosco perchè il libro l’ho dovuto leggere all’università e con un po’ di vergogna ti dico che verso la fine del libro anch’io ho pensato “Bon, andata”. Ammetto di aver fatto parecchia fatica a leggerlo.
    Comunque la tua recensione mi ha fatto troppo ridere e le immagini sono belliissime) 😀
    Il conte Vronsky nel romanzo io me lo ricordo un tipino con il suo fascino mentre è Karenin quello bruttino. Decisamente diverso da Jude Law 🙂

    • Miss Bailing
      bailing L'autore dell'articolo

      Guarda amica, Jude Law è imbruttito all’inverosimile nel film… manco pare lui!
      Ma è comunque meglio di Vronsky-Gene Wilder che è proprio insulso sotto tutti i punti di vista!
      A me il film ha fatto subito pensare ai balletti russi perché (specialmente all’inizio) è molto coreografato e ci sono delle scene davvero belle in cui tutti gli attori si muovono con perfetta sincronia.
      La scena del ballo per esempio è stupenda!
      Sono sicura che ti piacerà molto!
      Un bacio cara :-***

  • Meggie a pois

    Amica, io ho letto Anna Karenina molto giovane, al liceo, quindi dovrei ripassarlo prima di vedere il film… perché per me, non c’è film senza prima aver letto (o riletto) il libro da cui è tratto. E così, mi perdo moltissime premières (diciamo così, via). Ma di questa Anna Karenina ho sentito meraviglie, anche se mi spiace moltissimo per Frou Frou!

    • Miss Bailing
      bailing L'autore dell'articolo

      Grazie cara per condividere il mio dolore 🙂
      Comunque anche a me piace molto leggere i libri da cui sono tratti i film… soprattutto per criticare l’adattamento 😀

  • Je

    Cara Bai, anch’io adoooro Keira, i film in costume, e poi in questo i favolosi gioielli Chanel e la letteratura russa (infatti la studio all’università!), solo che non sono ancora riuscita ad andarmi a gustare questa perla di cinema! Se riesco ad andarci (spero!), te lo dirò, così ti racconterò anche le mie impressioni.
    A presto,
    Bisous

    • Miss Bailing
      bailing L'autore dell'articolo

      Vai assolutamente cara!
      Se poi studi letteratura russa non te lo devi perdere 🙂
      Sono anche curiosa di sapere cosa ne pensi dell’adattamento.
      Io, non avendo letto il romanzo, non sono stata in grado di esprimere giudizi ma ho letto molte critiche negative al film proprio inerenti all’adattamento.
      Un bacione :-***

  • MarinaM

    eh eh eh, io Anna Karenina lo leggo ogni anno da quando ne avevo diciamo 16 o 17 di anni, va da sé che lo so quasi a memoria. 🙂
    ma se devo essere sincera la coppia che adoro – ed è la coppia parallela del romanzo – sono Kitty e Levin. il film lo prenderò in dvd o aspetterò che passi su uno di quei canali a pagamento che mio marito paga per vedere la Juve – 🙁 anche domenica sera sigh – e amen. e anche a me la storia del cavallo molto enfatizzata anche nei vecchi film e sceneggiati mi fa piangere, quindi ti capisco.

    • Miss Bailing
      bailing L'autore dell'articolo

      In effetti Kitty e Levin sono proprio carini, piacciono di più anche a me rispetto ad Anna e Vronsky!
      E grazie per la solidarietà a sostegno degli equidi maltrattati amica 😀

  • La Giulia

    Ps io sono una gattara e ti capisco, perché avrei preso a calci quella nonmifardirecosa di holly nel finale di colazione da tiffany quando caccia via quel micio sotto la pioggia…
    Se non lo avesse ritrovato (nella realtà micio di casa lasciato fuori finisce sotto alla prima macchina) avrei bruciato film e libro…
    🙁
    E in genere odio i film dove qualunque animale muore (a parte i serpenti e gli insetti che considero errori del creato) o soffre anche se è solo per finta…

    • Miss Bailing
      bailing L'autore dell'articolo

      😀 amica che soddisfazione avere qualcuno che mi capisce!
      In effetti la scena del gatto in Colazione da Tiffany era proprio una carognata bella e buona!
      Sai che a me fanno un acco pena anche i serpenti?!
      Gli insetti ni, ma i serpenti sono belliini 🙂

      • MarinaM

        il libro non l’ho letto, un buon motivo per non leggerlo 🙁
        ma appunto dicevo che è pura fantasia pensare di ritrovare un gatto di casa lasciato spaurito sotto la pioggia.

      • Miss Bailing
        bailing L'autore dell'articolo

        Ma dai Lela?! Io ho letto il libro anni fa e non mi ricordo benissimo il dettaglio del gatto…
        Un bacione cara :-***

  • La Giulia

    Mi hai fatta morire dal ridere…
    “Se non avete una predilezione per i cavalli vivi”
    E poi il conte che somiglia a gene wilder…per tacere della carrozza (e quanto deve pesare un cavaliere per spezzare la schiena di un cavallo!!)
    Detto questo, forse aspetterò il film su SKY

    • Miss Bailing
      bailing L'autore dell'articolo

      Sono contenta amica che il mio post ti abbia fatta sorridere!
      Comunque davvero, vale la pena di vederlo al cinema perché è un bel film 🙂
      Baci cara :-***

    • Miss Bailing
      bailing L'autore dell'articolo

      Però dai… i collage con le foto di scena per darvi un’idea degli abiti li ho fatti 😀
      (Pensa quando Momo parlerà solo di cavalli!!!)