Gil-Bag. Ovvero l’invenzione del secolo che in confronto la ruota è stata un flop. 20


Terzo capito della Trilogia “Come fregare l’odiata Ryanair e vivere felici”.
Amiche ed amici questo è veramente il capitolo definitivo, la Soluzione con la S maiuscola.
Vi ricordate tutti i miei consigli funambolici su come nascondervi addosso il bagaglio in eccesso, compreso il laptop e la reflex smontata?!?
Avevo perfino pensato di comprarmi un gilet da pescatore e dei pantaloni cargo per avere a disposizione un numero sufficiente di tasche e taschette tali da caricarmi addosso qualcosa come 4 o 5 kg in eccesso.
Ma non ce ne sarà bisogno!
Che poi, direte giustamente voi, perché ti accanisci tanto contro Ryanair che tanto non ci voli da secoli?!

A parte la questione di principio (che non è da sottovalutare), ma in questo periodo l’amabile arpetta celtica giallo-blu è in cima alla lista dei miei incubi peggiori per un motivo: Pisa –> Marrakech con Ryanair!
La mecca dello shopping etno-chic con 35 kg di bagaglio in due.
Riuscite ad immaginarlo?
Io, che sono tornata dal primo viaggio in Marocco con circa 40 kg di peso in eccesso, facendo caricare in aereo (con faccia di pietra) dei complementi d’arredo, io dicevamo… contro l’odiatissimo Signor Paolo Ryan.
E i biglietti non sono stati neppure economici, che ci sono costati più di quelli in Club Europe British durante Londra 2012!
Ma purtroppo non c’è altro modo di raggiungere il Sud del Marocco dall’Italia se non con una low cost.
O quella, o 22 ore di scalo a Parigi/Madrid.
E così ci siamo rassegnati al male minore (che però tanto minore non è!).
Comunque dicevamo: finalmente un Benefattore dell’Umanità ha messo in moto la materia grigia per inventarsi il marchingegno perfetto per fregare Ryanair.
La Gil-Bag, ovvero una borsa super leggera in materiale anti-strappo con capacità 5/6 kg che si traforma all’occorrenza in un gilet da indossare.
Non è la genialata del millennio?!
Io aguro di cuore al Signor Gil-Bag di vendere centinaia di migliaia di ingegnose borsette e di divenare milionario.
Di sicuro avrà prestissimo i miei 39,90 euro, perché potersi portare a bordo 6 kg di straforo con Ryan davvero non ha prezzo!


Miss Bailing

Informazioni su Miss Bailing

Gypsetter, sognatrice, viaggiatrice entusiasta ed instancabile. La mia passione più grande sono i cavalli e il mio tesoro è Sero, un sauro di 25 anni con cui ho condiviso buona parte della mia esistenza. Come Emma Bovary anche io oscillo perennemente tra il mio lato mistico (che vorrebbe ritirarsi a meditare in un ashram indiano) e quello bohémien, il cui sogno nel cassetto è una chambre de bonne nel Marais.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

20 commenti su “Gil-Bag. Ovvero l’invenzione del secolo che in confronto la ruota è stata un flop.

  • Enrica

    Io odio Ryan Air, in confronto viaggiare con Easy Jet mi fa sentire in business (che tra l’altro non ho mai frequentato):-P Sai che anche io avevo preso in considerazione il Marocco per questa estate. Anche se in realtà non so cosa riusciremo a fare perchè lui parte per la Cina ad agosto e qualche giorno vorrei farmelo nella mia amata Leuca:(
    Comunque alla fine dipende sempre da che hostess trovi. Io sono sempre corretta e mi è capitato (anche con Ryan che di solito è la peggiore, appunto) di vedere gente con reflex, bagaglio a mano e magari la borsa dello shopping passare senza problemi. Quando ovviamente è toccato a me avere una miniscuola pochettina a tracolla mi hanno fatto storie assurde.

    • Miss Bailing
      bailing L'autore dell'articolo

      Hai ragione, per quanto entrambe low cost non c’è paragone tra i pessimi di Ryanair e quelli di Easy Jet.
      Solo il fatto che con i secondi non ci siano limiti di peso ma solo di dimensioni è un bonus non indifferente!
      Che poi a pensarci bene non è che ci sia questo grosso risparmio con Ryan!
      Nei periodi di alta stagione costa quanto una compagnia normale e in compenso atterri praticamente in un altra città!
      Vogliamo parlare di Parigi Bouvet?!?
      Qualche anno fa sono rimasta bloccata a Parigi causa neve: CDG chiuso, compagnia di bandiera incapace di ricollocarmi il giorno dopo, ho dovuto comprare in fretta e furia un biglietto Ryanair perché Bouvet era aperto nonostante il maltempo.
      Un’esperienza da incubo!
      Siamo dovuti partire da Parigi alle 04.00 del mattino per prendere il volo delle 08.00 😀
      Che senso ha viaggiare così?!
      Ti immagini andare un week end a Parigi ed atterrare a Bouvet?!
      Metà del tempo lo passi nei tranfer e se viaggi con il solo bagaglio a mano non puoi neppure fare shopping!
      Preferisco stare a casa o farmi un week end in macchina in Italia a questo punto!
      L’ideale a mio parere quando si fanno week end nelle capitali europee è non solo viaggiare con le compagnie “normali” ma se ci sono sconti fare anche l’upgrade in Business: con il fast track riservato ti puoi permettere di arrivare in aeroporto 45 minuti prima del volo e goderti ogni minuto del week end!
      Io l’ho fatto con British e ho speso un centinaio di euro in più di quello che avrei speso con Ryan.
      Godendomi ogni minuto dei miei tre giorni londinesi e viaggiando sì con il solo bagaglio a mano per risparmiare tempo, ma con qualcosa come 25 kg di roba ripartiti in 3 colli di bagaglio!

  • Ottavia

    Amica, certe diavolerie riesci a trovarle solo tu *^*

    Credo finirà nella lista dei preferiti immediatamente. Emh, ops Ryanair!

    (Ahaha sì, mi stol leggegendo 2000 post arretrati tutti in una volta ;P Se trovi un sacco di commenti è tutta colpa mia :D)

  • La Giulia

    Ah ah ah
    Geniale davvero!
    Io dal Marocco tornai (non ricordo se te lo avevo detto) con le seguenti cose:
    1. Tappeti n. 3
    2. Finestra in legno
    3. Tavolini esagonali n. 2
    4. Ceramiche (numero imprecisato)
    5. Varie ed eventuali (abiti e monili)

    • Miss Bailing
      bailing L'autore dell'articolo

      😀 Siamo compagne di sventura amica!
      Io tornai con:
      – tappeti n. 3
      – lampada in ferro battuto n. 1
      – tavolo da caffè in legno intarsiato con madreperla ed osso di cammello n. 1
      – tessuti, essenze, olio di argan e monili in varia quantità.
      – ceramiche, tajine et similia in varie quantità
      – spezie
      Compagnia aerea la cara vecchia Alitalia che con 50 euro allungati all’impiegato dell’imbarco ci fece portare tutto a bordo.
      Che nostalgia!
      In effetti abbiamo anche pensato all’opzione Roma-Casablanca con Alitalia e poi giù in macchina fino a Marrakech, ma avremmo perso un giorno e mezzo di viaggio 🙁

      • La Giulia

        Un, spezie…alcune le ho ancora…
        Il tajine mi fu proibito visto che ci portavamo dietro i tavolini…ma mi sono rifatta in Tunisia..
        Ok, comunque ho capito che è meglio per noi due non fare MAI un viaggio insieme
        😀

        • Miss Bailing
          bailing L'autore dell'articolo

          Se facessimo un viaggio insieme rischieremmo di essere lasciate a terra dalla compagnia aerea temo 😀

    • Miss Bailing
      bailing L'autore dell'articolo

      Prego cara!
      Sarà per me una questione di principio d’ora in avanti diffondere il verbo del Signor Gil-bag 😀

  • Caia

    ahhahaha
    sei unica amica!!!
    solo che in tutto questo non riesco proprio a immaginarti con una roba del genere addosso… credo che piuttosto ti vedrei abbandonare le tue sete marocchine alla iena di turno al controllo bagagli…
    pero’ sei il signor G si presta…
    quando parti?

    • Miss Bailing
      bailing L'autore dell'articolo

      Stiamo pensando addirittura di comprarne 2 e indossarne uno per uno 😀
      Io ci metterò sopra la mia super versatile cappa di Gareth Pugh et voilà… gilet e 6 kg di bagaglio scomparsi miracolosamente tra i suoi drappeggi 😀
      Partiamo il 15 giugno!!!

  • giulia

    grazie Bai Ling, Ryan Air ci rende la vita difficile, noi dobbiamo ripagarla conla stessa moneta e se possibile vendicarci!! Anch’io sono utente Ryan Air perchè è l’unico modo per andare a trovare mia sorella che vive in Spagna e tutte le volte sono scene per pochi grammi in più. Anche se devo dire che all’imbarco di Alicante sono delle vere iene, molto peggio che in Italia

    • Miss Bailing
      bailing L'autore dell'articolo

      Io li odio mortalmente e cerco sempre di evitarli come la peste…
      Ti dico solo che ho l’Ancona-Londra con Ryan ed arrivo fino a Bologna per volare con British!
      Peccato che per certe destinazioni (vedi Marrakech) non ci siano alternative 🙁
      Quindi quando mi tocca covo bile e propositi di vendetta per tutto il tempo 😀

    • La Giulia

      Pensa che io vorrei barattare il mio peso corporeo in peso aggiuntivo in cabina.
      Il mio ragionamento è semplice, se io pesassi 70kg mica mi farebbero pagare il sovrapprezzo, no?
      Siccome ne peso 55-58, non dico 10 kg di tolleranza, ma 5 si…
      Potrei anche mettermi a dieta ferrea prima di partire….
      😀

      • Miss Bailing
        bailing L'autore dell'articolo

        Il tuo ragionamento non fa un grinza amica!
        Il peso consentito a bordo dovrebbe essere tarato sul peso medio della popolazione del Paese di cui la compagnia aerea batte bandiera…
        Ti immagini che goduria volare con le compagnie americane?!?
        😀