A proposito di Monica, Daisy e Tom. 11


Ho incontrato Monica e Daisy a Gubbio, in un ventoso pomeriggio estivo.
Ci siamo sedute ai tavolini di un bar, in una piazzetta quieta e sonnacchiosa, e abbiamo chiacchierato per un paio d’ore di tutto un po’.

monica_maestreli_01Monica è Monica Maestrelli, designer di gioielli ed articoli da regalo per Gucci ai tempi di Tom Ford ed ora freelance, e Daisy è la sua dolcissima labrador, che da cucciola ha rischiato seriamente di diventare testimonial per la linea Gucci Dog.
Ma andiamo per ordine.

monica_maestrelli_02La prima domanda è inevitabilmente dedicata a Tom.
Com’è dal vivo?!
E la risposta è esattamente quella che ti aspetti: meraviglioso e carismatico!
Monica termina i suoi studi di architettura ed arredamento a Firenze e nel 1983, a soli 23 anni, entra da Gucci come designer di articoli da regalo.

monica_maestrelli_03Negli anni ’80 Gucci, benché sia già un colosso della moda italiana conosciuto ed amato in tutto il mondo, conserva ancora una certa allure artigianale legata alle sue origini di selleria e valigeria: non esiste un ufficio stile ma in compenso nella sede di Casellina, fuori Firenze, ci sono una falegnameria ed un’officina interna dove i designer lavorano a stretto contatto con gli artigiani.

monica_maestrelli_04Negli anni ’90 arriva Tom Ford e rivoluziona l’azienda con la creazione degli uffici stile di Firenze e Londra.
Monica si trasferisce con il marito, il fotografo italo americano Frank Dituri, a New York dove ha a disposizione un piccolo ufficio personale nella sede americana di Gucci, ma continua anche a fare la spola tra Firenze e Londra.
Disegna la Home Collection e gli accessori per le sfilate e infine arriva ai gioielli che scoprirà essere la sua vera vocazione.
E’ lei a disegnare la mitica lariat, una variazione del sautoir senza chiusura, che diventa uno dei gioielli senza tempo della Maison.
Con Tom Ford in quel periodo nasce anche Gucci Dog e Monica si ritrova ad ideare e disegnare luxury and beautiful collars e fancy cloths per un nuovo pubblico un po’ speciale.
Daisy d’altraparte (come dicevamo) rischia seriamente di diventare testimonial di questa nuova linea.

monica_maestrelli_10Peccato che, da brava labrador, sia cresciuta troppo in fretta diventando nel giro di poche settimane decisamente oversized per una linea di accessori pensata per soli toy dog!
Nel 2008 Monica lascia Gucci ed inizia a lavorare come freelance creando una sua linea di gioielli in argento e pietre semi-preziose (onice, ametiste, cristalli di rocca, turchesi) dalle linee pulite ed esseniali, traendo ispirazione dalla geometria e dalle forme della natura (fili d’erba e foglie in primis).

monica_maestrelli_06

monica_maestrelli_11

monica_maestrelli_12

monica_maestrelli_08I gioielli di Monica (che potete vedere in questo post indossati da lei e fotografati still life) sono rigorosamente made in Italy, fatti a Firenze da artigiani orafi, e sono stati esposti nel corso degli anni in importanti gallerie d’arte in giro per il mondo tra Tokyo, New York e l’Europa.

monica_maestrelli_05

monica_maestrelli_07

monica_maestrelli_09

I gioielli sono acquistabili su ordinazione, tramite le gallerie d’arte che hanno ospitato le mostre di Monica.
Per informazioni potete contattare la
designer qui.

Ph thanks to Paolo Tosti

Follow on Bloglovin


Miss Bailing

Informazioni su Miss Bailing

Gypsetter, sognatrice, viaggiatrice entusiasta ed instancabile. La mia passione più grande sono i cavalli e il mio tesoro è Sero, un sauro di 25 anni con cui ho condiviso buona parte della mia esistenza. Come Emma Bovary anche io oscillo perennemente tra il mio lato mistico (che vorrebbe ritirarsi a meditare in un ashram indiano) e quello bohémien, il cui sogno nel cassetto è una chambre de bonne nel Marais.


Rispondi a Antonio Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

11 commenti su “A proposito di Monica, Daisy e Tom.