Dieci buoni motivi per amare The Grand Budapest Hotel. #2. 6


the_grand_budapest_hotel_14

Secondo appuntamento con i 10 buoni motivi per amare ed adorare The Grand Budapest Hotel e correre al cinema a vederlo.
(Se avete perso i primi 5 buoni motivi potete recuperare andando a leggerli qui).

10_buoni_motivi_per_amare_grand_budapest_hotel_07

6) L’Air de Panache, ovvero la mitica colonia di Monsieur Gustave H.
Volete regalarne una boccetta al vostro fidanzato?!
Niente di più facile: la Maison de parfum  parigina Nose ha creato una speciale Eau de Cologne commissionata da The Twentieth Century Fox e Wes Anderson per celebrare il film.
La colonia, udite udite, ha sentori di mela verde: forse un piccolo riferimento a Ragazzo con Mela, lo chef-d’oeuvre di Van Hoytl il Giovane (ovviamente frutto della fervida fantasia degli sceneggiatori) che ricopre un ruolo chiave nel film?!

the_grand_budapest_hotel_09

the_grand_budapest_hotel_22

the_grand_budapest_hotel_21

http://www.tokyobanhbao.com/

10_buoni_motivi_per_amare_grand_budapest_hotel_005

7) Monsieur Dino.
Ovvero il mio adorato Waris Alhuwalia, attore feticcio di Wes Anderson, nel ruolo di uno dei mitici concierge della Society of the Crossed Keys.
Sappiate che quando ho scritto questo post ho fatto grossi sforzi per non fare commenti da bimba-minkia  e passare dignitosamente oltre, come se niente fosse (ma in compenso al cinema, quando l’ho visto comparire, ho urlato: un urletto strozzato da oca giuliva che è risuonato nel silenzio della sala, facendo sprofondare il Signor G.nella sua poltroncina).

The_grand_budapest_hotel_003

the_grand_budapest_hotel_23

10_buoni_motivi_per_amare_grand_budapest_hotel_08

8) La deliziosa e super naïf Repubblica di Zubrowka.
Indovinate un po’?
Pare che questo nome non sia frutto della fantasia di Wes Anderson ma sia ripreso da quello di una vodka polacca!
Pare infatti che nella Regione della Podlaskie ci sia un parco nazionale con una foresta di alberi secolari in cui pascolano centinaia di Zubr, ovvero bisonti europei.
Gli Zubr si nutrono di un erba particolarmente aromatica che viene utilizzata dalle distillerie locali per produrre una vodka detta appunto Zubrowka (ovvero vodka del bisonte).
Quindi Wes non ha inventato il nome del suo Stato immaginario, ma ha provveduto con grande dovizia di particolari a fornirlo di tutto ciò di cui una Repubblica abbisogna per stare al mondo: banconote, bandiere, stemmi, documenti, francobolli, quotidiani e chi più ne ha più ne metta.
Artefici di questa operazione geniale sono stati i designer Annie Atkins e Adam Stockhousen.

grand_budapest_hotel_16

grand_budapest_hotel_07

grand_budapest_hotel_20

10_buoni_motivi_per_amare_grand_budapest_hotel_009

9) L’outfit un po’ fetish  e molto trendy  di Jopling, il tirapiedi della famiglia Desgoffe-und-Taxis.
Jopling è un biker, scia come un campione olimpico calzando con i suoi stivaletti in cuoio nero un paio di sci di legno ed indossa un pazzesco trench molto dark,  disegnato da Miuccia Prada.
Ok… è un assassino psicopatico, ma vogliamo stare a guardare il pelo nell’uovo?!?

grand_budapest_hotel_12

grand_budapest_hotel_25

grand_budapest_hotel_24

grand_budapest_hotel_27

10_buoni_motivi_per_amare_grand_budapest_hotel_09

10) Il cappello da Lobby Boy.
Tra i tanti costumi del film, tutti a dir poco pazzeschi, spiccano le divise viola del personale del Grand Budapest Hotel.
Il capello dei Lobby Boy è così carino che la Maison francese Larose Paris ne ha prodotto una replica perfetta in numero limitato per la première  francese del film.
Siete di passaggio a Parigi e volete ammirare questo buffo copricapo?
Dovete andare all’Hotel Raphael, uno dei luoghi parigini cari ai fans di Wes Anderson, che ha fatto da location al mitico short film  Hotel Chevalier.

grand_budapest_hotel_39

grand_budapest_hotel_28

grand_budapest_hotel_30

 

Follow on Bloglovin


bailing

Informazioni su bailing

Gypsetter, sognatrice, viaggiatrice entusiasta ed instancabile. La mia passione più grande sono i cavalli e il mio tesoro è Sero, un sauro di 25 anni con cui ho condiviso buona parte della mia esistenza. Come Emma Bovary anche io oscillo perennemente tra il mio lato mistico (che vorrebbe ritirarsi a meditare in un ashram indiano) e quello bohémien, il cui sogno nel cassetto è una chambre de bonne nel Marais.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6 commenti su “Dieci buoni motivi per amare The Grand Budapest Hotel. #2.

  • monia

    Amica, l’urletto è scappato anche a me!!! mi sono data un tono…. non ben riuscito, il mio entusiasmo ha creato curiosità, ma non sono riuscita a rispondere con chiarezza a T.
    Anche questo post è fantasticoooooooooooooooooooooooooo

  • marco1946

    Non avevo ancora visto i primi 5 buoni motivi e me ne scuso
    ma sono ancora in tempo per sostenere che siamo di fronte a un GRANDE film (aria di Oscar…)
    aggiungo solo 2 dettagli a quanto hai detto:
    1- il personaggio di Henckels (interpretato da Edward Norton) ricorda molto quello di Schultz (l’attore era Reginald Gardiner), il nazista buono nel DITTATORE chapliniano
    2- il killer Jopling (Willelm Dafoe) mi sembra ispirato al terribile Chigurh (Javier Bardem) di NON E’ UN PAESE PER VECCHI
    infine, applauso per Milena Canonero (quarta statuetta?)

    • bailing
      bailing L'autore dell'articolo

      Ciao Marco,
      innanzitutto grazie per queste due chicche molto interessanti!
      E riguardo all’essere in odore di Oscar… sarebbe ora!
      Io gliel’avrei già dato per I Tenenbaum e Darjeeling Limited!