La Sparkling Dinner Party dell’Hotel Metropole.


SparklingDecemberCocktailAndDinnerParty2015-41

Uno degli eventi mondani più glamour dell’Inverno veneziano è quello che si è svolto sabato scorso nella suggestiva e lussuosa cornice dell’Hotel Metropole che sorge sulla Riva degli Schiavoni e che, con la sua romantica atmosfera ispirata all’Oriente, è ormai da qualche anno il mio posto del cuore per eccellenza in Laguna.
La Sparkling Dinner Party, che è ormai diventata una tradizione del Metropole e che ha visto la partecipazione di molti ospiti VIP del mondo del cinema, della musica e dell’arte, è stata non solo un’occasione mondana per brindare alle festività natalizie in arrivo gustando i deliziosi manicaretti della cucina stellata dello Chef Luca Veritti, ma anche e soprattutto un evento di beneficenza dedicato alla raccolta di fondi per la ricerca sulla Fibrosi Cistica.
La Contessa Marta Marzotto, in qualità di rappresentante della Fondazione per la Ricerca sulla Fibrosi Cistica, ha presenziato alla festa e ha intrattenuto con la sua verve gli ospiti, la cui generosità ha permesso di raccogliere l’importante cifra di 10.000 euro durante una lotteria che vedeva in palio anche opere d’arte provenienti dall’ultima Biennale di Venezia, come quella dell’artista ecuadoregna Maria Veronica Leon Veintemilla.
Il tema della Sparkling Dinner 2015 era l’Austria e le ospiti d’onore della serata sono state la stilista austriaca Lena Hoschek e la designer Niky Osl del brand Miss Lilly’s Hats, che crea cappellini, romantici cerchietti e deliziose coroncine di fiori in stile gypset di cui mi sono letteralmente innamorata!

SparklingDecemberCocktailAndDinnerParty2015-3

SparklingDecemberCocktailAndDinnerParty2015-13

SparklingDecemberCocktailAndDinnerParty2015-1


Miss Bailing

Informazioni su Miss Bailing

Gypsetter, sognatrice, viaggiatrice entusiasta ed instancabile. La mia passione più grande sono i cavalli e il mio tesoro è Sero, un sauro di 25 anni con cui ho condiviso buona parte della mia esistenza. Come Emma Bovary anche io oscillo perennemente tra il mio lato mistico (che vorrebbe ritirarsi a meditare in un ashram indiano) e quello bohémien, il cui sogno nel cassetto è una chambre de bonne nel Marais.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.