In the mood for Azores #2. 1


♥ Sara Cruz – Amor Desnaturado

Furnas_01

Ph. credits: In the mood for Love and Jorge Valério – Holistika.

Bastano poche ore durante la capricciosa Primavera Atlantica per scoprire che esistono tante Azzorre diverse.
Ci sono le Isole dei giorni di sole, con il bianco accecante delle case e la vegetazione di un verde così brillante che vi sembrerà di vedere quel colore per la prima volta nella vostra vita; in quei giorni le colline coltivate a tè splendono, le foreste sono punteggiate di azalee fiammeggianti e l’Oceano pallido, striato d’argento, lambisce dolcemente le piccole spiagge di sabbia nera.

[english translation at the bottom of the post]

E poi ci sono le Isole dei giorni di pioggia, quando il vento che soffia dal mare si abbatte con furia su foreste e vulcani, trasportando nuvole minacciose, ma sull’Oceano in tempesta è tutto un brillare di arcobaleni.
E così, se da una parte il più grande rimpianto di questo viaggio è stato quello di non aver potuto vedere ortensie in fiore e balene, dall’altra l’instabile Anticiclone mi ha regalato in una sola mattina il mio record personale di arcobaleni, compiendo il miracolo di rendere incantevole perfino il disagio di un violento acquazzone.
L’Isola di São Miguel l’abbiamo scoperta in compagnia di Jorge, che due anni fa insieme a Lisa ha fondato Holistika, un tour operator che (come potete capire già dal nome) è decisamente fuori dal comune.
Una delle prime cose che ci ha detto Jorge è che le Azzorre sono l’India d’Europa, una destinazione magica dove entrare in contatto con l’aspetto più primitivo della Natura e dedicarsi alla ricerca del Sè, grazie anche allo yoga, alla meditazione e al reiki che qui si possono praticare en plein air, in cornici naturali di una bellezza struggente.
Affidandovi a Jorge e Lisa, oltre a tutte le classiche esperienze olistiche, potrete vivere (ahimè solo in Estate) l’esperienza più emozionante e spirituale che si possa immaginare: quella di nuotare in mare aperto con i delfini, creature magiche e sensibilissime a cui l’illuminato Governo Indiano ha recentemente riconosciuto l’emblematico status di persone non umane.
Ma qualora durante il vostro soggiorno il famigerato Anticiclone decida di remarvi contro, rendendo impossibile l’incontro ravvicinato con l’Oceano e le sue Creature, non crucciatevi troppo perché Jorge organizzerà per voi un’esperienza altrettanto magica e primordiale nell’entroterra dell’Isola, portandovi ad incontrare caldere, vulcani sopiti e fumarole.
Se dovessi scegliere il mio luogo del cuore a São Miguel sarebbe certamente la Valle di Furnas dove Terra, Acqua e Fuoco sono un tutt’uno.
Qui le fumarole esalano i loro vapori mefitici in un contesto da Giardino dell’Eden, le acque termali sono sulfuree e ferrose e chiudendo gli occhi vi sembrerà di poter sentire, in mezzo a tutto quel ribollire, il battito del cuore del Pianeta in perfetta armonia con il vostro.
A Furnas poi c’è un giardino botanico assolutamente speciale, quello di Terra Nostra, dove potrete sdraiarvi a riposare sotto ad alberi centenari dalle forme bizzarre, calpestare a piedi nudi il muschio più soffice di sempre, nuotare in un’immensa vasca termale color giallo intenso ed incantarvi tra ruscelli e ninfee.

Travel Tips:
 Le Furnas Lake Villas, costruite in legno di cedro giapponese ed immerse in un paesaggio idilliaco, tra foreste ed azalee in fiore, sono una sistemazione assolutamente bohémiem e rustic-luxury.
C’è una bella piscina, un piccolo bar con tavolini all’aperto perfetto per godere del rito dell’afternoon tea (la farm annessa produce proprio tè e miele) e, tra le molte attività proposte, ci sono le passeggiate a cavallo.
 Per gustare il cozido das Furnas, tradizionale stufato a base di carne e verdure cotto per ben 6 ore nelle fumarole, andate da Tony’s Restaurant ed avrete un assaggio del più autentico #foodporn locale in un’atmosfera easy e rilassata!
Non perdetevi per niente al mondo un bagno in notturna nelle piscine termali di Poça da Dona BeijaDimenticate le affollate terme europee: qui rilassarvi nelle piscine di acqua sulfurea, immerse nella romantica cornice di un giardino sub-tropicale, sarà quasi un’esperienza meditativa.
Le piscine sono aperte dalle 7.00 alle 23.00 e l’ingresso costa appena 3 euro.
 Prima di lasciare Furnas concedetevi un po’ di tempo per un percorso Kneipp inusuale, ma decisamente energizzante, passando dall’acqua sulfurea alla gelida acqua sorgiva del torrente che costeggia la strada.
 Un prodotto locale da assaggiare assolutamente sono i liquori alla frutta della Cooperativa Celeiro da Terra. Il Licor de Tangerina ha perfino vinto un premio al Concurso Nacional de Licores Conventuais e Tradicionais Portugueses.
 Non molto distante da Furnas, guidando verso Nord, si raggiungono dolci colline ricoperte di Camellia Sinensis ed è possibile visitare Chá Gorreana, l’unica piantagione di tè esistente in territorio europeo, che fu creata addirittura nel 1883. Qui la produzione è eco-friendly fin dal lontano 1920 e le pregiate varietà di tè, lavorate ancora con macchinari inglesi risalenti all’inizio del XIX secolo, sono rigorosamente biologiche.

Furnas_1

Furnas_002

SAMSUNG CSC

SAMSUNG CSC

Furnas_04

Furnas_05

Furnas_006

furnas_06

SAMSUNG CSC

Furnas_07

Furnas_08

SAMSUNG CSC

Furnas_10

Furnas_011

SAMSUNG CSC

Furnas_12

SAMSUNG CSC

Furnas_14

SAMSUNG CSC

SAMSUNG CSC

In Azores Islands during the unpredictable Atlantic Spring you can live gorgeous sunny days, during which the white is dazzling, the green is brilliant and bright more than ever, the hills are blossom-covered and the quiet Ocean laps the black shores so sweetly; but you can live also rainy days during which the wind blows furiously over forests and volcanoes and over the stormy Ocean shines a multitude of rainbows.
The biggest regret of my travel is I didn’t seen whales and hydrangeas in bloom but, on the other hand, I saw in a single morning so many rainbows that I shall remember it the rest of my life, and I found out that even showers can be a beautiful sight!
We discovered São Miguel Islands with Jorge that, together with Lisa, is founder of Holistika, an uncommon tour operator.
He told us that Azores Islands are the new India, because here you can meet the most primitive side of Nature and searching for your identity, through yoga, meditation and reiki in a beautiful and wild setting.
With Holistika you can also live the most touching and spiritual experience ever: swimming with dolphins into the open sea and meeting these magical creatures, so sensitive that were recently recognized as non-human persons by indian law.
But if the wind and the renowned Anticyclone of the Azores work against you, during your holidays, don’t worry because Jorge will arrange for you another magical experience, moving inland to meet calderas, sleeping volcanoes and geothermal pools.
One of my places of the heart in São Miguel is Furnas Valley, where Earth and Water are one with Fire, with sulphurous fumes and geothermal springs.
In the romantic botanical garden of Terra Nostra you can rest under centennial trees or walking barefoot on fluffy moss, between enchanted creeks and water lilies; here, there is also an enormous geothermal pool, where you can swimming into the hot and yellow water.
My travel tips:
– Furnas Lake Villas are rectangular villas made with locally grown Japanese cedar wood and nestled in an idyllic landscape. A very gypset and rustic-luxury accomodation with a lovely pool, a tearoom, a farm that produces tea and honey and nice activities to do, like horseback riding.
– To taste the best cozido das Furnas go to Tony’s Restaurant. The cozido is a traditional stew, slow cooked by placing the pot in the ground which is heated by volcanic steam.
– Don’t miss a magical experience in the thermal garden of Poça da Dona Beija. Go by night, when the breeze blows chill over the mountains to relax yourself swimming in the geothermal pools.
The garden is open every day, from 07:00 am to 11:00 pm and entrance fee is 3 euros only.
– Try an energizing experience placing your feet alternately into the hot and cold water of geothermal springs and icy streams.
– Taste the fruit liqueurs of Cooperativa Celeiro da Terra: their Licor de Tangerina won an award at the Concurso Nacional de Licores Conventuais e Tradicionais Portugueses.
– Not far from Furnas, driving North, you can reach the tea plantation of Chá Gorreana, the Europe’s oldest Tea Estate, where grow eco-friendly and rare teas, since 1883.

Follow on Bloglovin


Miss Bailing

Informazioni su Miss Bailing

Gypsetter, sognatrice, viaggiatrice entusiasta ed instancabile. La mia passione più grande sono i cavalli e il mio tesoro è Sero, un sauro di 25 anni con cui ho condiviso buona parte della mia esistenza. Come Emma Bovary anche io oscillo perennemente tra il mio lato mistico (che vorrebbe ritirarsi a meditare in un ashram indiano) e quello bohémien, il cui sogno nel cassetto è una chambre de bonne nel Marais.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Un commento su “In the mood for Azores #2.