#mytravels. In the mood for London.


London_01
Qualche indirizzo imperdibile a Londra, tra Covent Garden e Marylebone.
Covent Garden.
Benjamin Pollock’s Toyshop. Per i teatrini vittoriani e le scatole musicali.
Chez Antoinette, bistrot francese nel cuore di Covent Garden. Microscopico ma adorabile, specialmente se amate la Chanson française!
Champagne + Fromage. Formaggi francesi e Champagne, che volete di più dalla vita?
Spring Restaurant. Ospitato nella spettacolare cornice della Somerset House è perfetto per una cena romantica.
In cucina c’è la talentuosa Chef australiana Skye Gyngell che crea piatti affascinanti utilizzando molti ingredienti mediterranei.
Hope and Greenwood. Caramelle, cioccolata e una deliziosa atmosfera old-fashioned.
Penhalingon’s per le rinomate eau de cologne e i profumi dal packaging vittoriano, perfetti per i dandy più esigenti.
Stanfords Map and Travel vanta la più vasta collezione al mondo di mappe e libri di viaggio: un vero paradiso per moderni Esploratori!

Marylebone.
La Fromagerie. Se amate i formaggi qui dentro troverete la vostra Mecca, con centinaia di autentiche delizie provenienti da ben 13 Paesi!
Le vieux Comptoir non è solo un wineshop e un alimentari di lusso, ma anche un posticino dove fare spuntini golosi ad ogni ora del giorno in un’atmosfera molto francese.
Aubaine è imperdibile per il pane appena sfornato, i croissant e i gâteaux.
Ceviche Soho non è a Marylebone ma vale una passeggiata. Il locale è molto rumoroso e poco adatto ad una serata romantica ma le ceviche sono memorabili e vi ripagheranno di ogni disagio!

London_002

London_02

London_003

London_04

London_05

London_07

Follow on Bloglovin


Miss Bailing

Informazioni su Miss Bailing

Gypsetter, sognatrice, viaggiatrice entusiasta ed instancabile. La mia passione più grande sono i cavalli e il mio tesoro è Sero, un sauro di 25 anni con cui ho condiviso buona parte della mia esistenza. Come Emma Bovary anche io oscillo perennemente tra il mio lato mistico (che vorrebbe ritirarsi a meditare in un ashram indiano) e quello bohémien, il cui sogno nel cassetto è una chambre de bonne nel Marais.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.