#mytravels. La Locanda Rossa.


Locanda_rossa_01

A Capalbio, il buen retiro per eccellenza degli intellettuali italiani, c’è una country house che incarna alla perfezione il mood radical chic di questo angolo di Maremma.
Un casolare color terra bruciata con un portico arioso illuminato da lanterne dal gusto orientale e un giardino d’inverno, popolato da erbe aromatiche ed alberi di limone, che in estate si apre alla brezza che spira dal mare: è La Locanda Rossa, una delle selezionatissime destinazioni italiane consigliate da i-escape e Mr. and Mrs. Smith, un piccolo boutique hotel tutto al femminile (o quasi) che vi incanterà con i profumi della sua macchia mediterranea, con il suo viale di cipressi e con lo spettacolare colpo d’occhio dei suoi 3200 alberi di ulivo dalla chioma argentea.
La mattina della mia partenza ho fatto una chiacchierata con Barbara Valleggi, la direttrice della Locanda, che mi ha raccontato tutti i retroscena di questo progetto nato dall’amore di Lorenza Caputi, torinese trapiantata a Roma, per la Maremma.
Affidandosi al noto architetto paesaggista Paolo Pejrone, Lorenza ha trasformato in pochi anni un appezzamento di terreno quasi brullo in un incantevole giardino mediterraneo creato ad immagine e somiglianza della Natura circostante.
L’albergo ospita solamente 4 appartamenti da 120 mq e 14 tra camere e Suite, ognuna ispirata nei colori e nei tessuti a un’opera d’arte originale, con sale da bagno di design e amenity set di C.O. Bigelow Apothecaries.
La Locanda Rossa è green (può contare su un impianto fotovoltaico da 200 kw) e pet friendly; è anche family friendly ma, per garantire alle coppie l’auspicabile relax, ci sono due piscine: una riservata agli adulti e una dedicata ai più piccoli.
Il buffet della colazione ruota tutto attorno a prodotti biologici homemade o comunque a km zero: ci sono le torte fatte in casa, i formaggi e la ricotta della Fattoria La Parrina, i salumi di cinta senese della Fattoria la Madonna e il miele millefiori prodotto dalle 50 arnie posizionate sui terreni della Locanda ed affidate ad una famiglia di apicoltori locali.
A pranzo e a cena invece potrete assaggiare il profumato olio extravergine d’oliva IGP della Locanda Rossa e una piccola e curatissima selezione di piatti preparati dallo Chef (uno dei pochi uomini in uno staff prevalentemente femminile) seguendo gli immancabili criteri di stagionalità  e territorialità .
Il portico e i grandi spazi comuni arredati in stile etno-chic invitano a piacevoli pause di ozio e relax: leggere un buon libro, sorseggiare un aperitivo o una tazza di tè o ancora farsi viziare con i deliziosi gelati homemade (quello al pistacchio è #foodporn allo stato puro!)
C’è anche una piccola area Spa con sauna ed hammam dove, se ne avrete voglia, vi coccoleranno con massaggi bio-energetici e bagni idratanti all’olio di elicriso e perfino una Boutique (gestita da magazzino 23.9) dove potrete trovare una selezione di abiti, accessori e piccoli pezzi di home design dal gusto assolutamente gypset, prodotti da cooperative equo-solidali e prevalentemente femminili, per uno shopping stylish e consapevole.

Locanda_rossa_02

Locanda_rossa_03

Locanda_rossa_04

Locanda_rossa_05

locanda_rossa_06

Locanda_rossa_007

Locanda_rossa_07

Locanda_rossa_08

Locanda_rossa_09

Locanda_rossa_10

Locanda_rossa_11

Locanda_rossa_12

Follow on Bloglovin


Miss Bailing

Informazioni su Miss Bailing

Gypsetter, sognatrice, viaggiatrice entusiasta ed instancabile. La mia passione più grande sono i cavalli e il mio tesoro è Sero, un sauro di 25 anni con cui ho condiviso buona parte della mia esistenza. Come Emma Bovary anche io oscillo perennemente tra il mio lato mistico (che vorrebbe ritirarsi a meditare in un ashram indiano) e quello bohémien, il cui sogno nel cassetto è una chambre de bonne nel Marais.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.