#mytravels. Gradonna Mountain Resort.


Gradonna_mountain_resort_01

Nel cuore del Nationalpark Hohe Tauern (il più grande ed antico dei parchi naturali austriaci) sorge il Gradonna Mountain Resort, un incantevole hotel perfetto per tutti quei mountain lovers esigenti che da una vacanza in montagna si aspettano non solo il contatto con la Natura e una buona dose di relax, ma anche quel qualcosa in più capace di trasformare un semplice soggiorno in un’esperienza speciale.
Dimenticate il romantico ma un po’ stucchevole stile tirolese, tutto cuori intagliati e quadretti bianchi e rossi, perché al Gradonna protagonista assoluto è il design di montagna più minimal e all’avanguardia, con legno e vetro che si fondono insieme in modo assolutamente armonioso e con il paesaggio alpino che entra prepotentemente dalle immense vetrate.
Scegliete una delle incantevoli Suite panoramiche rivestite di legno chiaro ed ospitate tra il quinto e il decimo piano: sospese come sono tra boschi e cielo, vi faranno sentire in comunione assoluta con la Natura circostante.
Qui non c’è nessun tipo di inquinamento luminoso e di notte potrete sdraiarvi in terrazza con il naso all’insù, per godervi un firmamento spettacolare che vi sembrerà  di poter toccare con un dito.
Svegliatevi presto al mattino, con la luce dell’alba che inonda la vostra stanza, iniziate la giornata con una corroborante lezione di yoga e prendetevi il vostro tempo per una colazione speciale.
La brigata di cucina del Gradonna infatti dà  il meglio di sé fin dal primo mattino, con un meraviglioso buffet ricco di delizie di ogni genere, dolci e salate; non mancano poi le proposte healthy, un corner dedicato ai tè in foglia e una selezione di frutta e verdura da centrifugare al momento.
A cena lo Chef Michael Karl vi delizierà con menu gourmet d’ispirazione fusion, in cui la cucina regionale è sapientemente rivisitata con tocchi esotici e mediterranei, preoccupandosi di coccolare anche i vegetariani con deliziosi menu dedicati.
Ma il vero punto di forza del Gradonna Mountain Resort sta nei suoi 3000 metri quadrati di area Spa che lo rendono un vero e proprio santuario del benessere: ci sono tre piscine coperte, una piscina riscaldata all’aperto, un’enorme area saune e una quinta piscina naturale assolutamente scenografica, incastonata nel panorama montano come uno scintillante laghetto alpino.
Il Gradonna è un resort family friendly che mette a disposizione delle famiglie più numerose graziosi chalet in legno dotati di cucina e sauna privata, ma d’altra parte è molto adatto anche ad una escapade a due: gli spazi comuni infatti sono pensati in modo intelligente per garantire alle coppie privacy, silenzio e relax e l’area saune con relativa piscina sono rigorosamente VM 16.
Gli chalet sono anche pet friendly e i nostri amici a quattro zampe avranno a disposizione un piccolo set di benvenuto, bellissimi sentieri dove correre e la possibilità di raggiungere in cabinovia i percorsi in altitudine (gratis per tutti gli ospiti del Gradonna a due e a quattro zampe!).
Insomma un vero e proprio paradiso immerso in un contesto naturale di grande bellezza, costruito ai piedi del Grossglockner (la più alta montagna austriaca) secondo criteri di sostenibilità ed utilizzando materiali locali come l’abete rosso, il marmo di Kals e il loden; un luogo perfetto per godere appieno dell’atmosfera alpina e che fa parte della raccolta di hotel sostenibili Green Pearls, pensata per Viaggiatori che, oltre ad essere esigenti, sono anche green e consapevoli.

Gradonna_mountain_resort_02

Gradonna_mountain_resort_03

Gradonna_mountain_resort_05

Gradonna_mountain_resort_04

Gradonna_mountain_resort_06

Gradonna_mountain_resort_07

Gradonna_mountain_resort_08

Gradonna_mountain_resort_09

Gradonna_mountain_resort_10

Gradonna_mountain_resort_11

Gradonna_mountain_resort_12

Gradonna_mountain_resort_13

Gradonna_mountain_resort_14

Gradonna_mountain_resort_15

Follow on Bloglovin


Miss Bailing

Informazioni su Miss Bailing

Gypsetter, sognatrice, viaggiatrice entusiasta ed instancabile. La mia passione più grande sono i cavalli e il mio tesoro è Sero, un sauro di 25 anni con cui ho condiviso buona parte della mia esistenza. Come Emma Bovary anche io oscillo perennemente tra il mio lato mistico (che vorrebbe ritirarsi a meditare in un ashram indiano) e quello bohémien, il cui sogno nel cassetto è una chambre de bonne nel Marais.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.