#vegan. Cucinare con frutta e fiori.


01_terra_nuova_edizioni

Qualche giorno fa vi ho anticipato l’interessante scoperta dei Bioricettari di Terra Nuova Edizioni e oggi voglio approfondire l’argomento, condividendo con voi un paio di ricette davvero sfiziose.
Ma prima voglio raccontarvi perché i libri di Terra Nuova non sono libri qualunque.
Innanzitutto questa Casa Editrice è nel gruppo dei 14 Editori amici delle Foreste di Greenpeace, quindi acquistando un libro di Terra Nuova si contribuisce a tutelare gli alberi, perché la carta utilizzata (a marchio FSC) assicura una gestione forestale responsabile, secondo rigorosi standard ambientali, sociali ed economici.
Oltretutto i libri (che trattano tutti quanti temi che coniugano ecologia e benessere) sono prodotti in carta riciclata 100% e vengono stampati in Italia, riducendo i trasporti e l’emissione di CO2.
Terra Nuova non riceve finanziamenti pubblici, garantisce la “bibliodiversità” ed opera in un regime di economia solidale, promuovendo un circuito alternativo di distribuzione ed assicurando un equo compenso a tutta la filiera produttiva.
Insomma i Bioricettari di Terra Nuova Edizioni (tutti rigorosamente vegetariani o vegani) sono belli e buoni sotto ogni punto di vista!
Io sto utilizzando ormai da qualche settimana i due ricettari “Frutta e Fiori in Cucina” e “Gelati e sorbetti vegani” e oggi voglio condividere con voi due delle mie ricette preferite, che sono semplici e veloci da preparare ma gustose e di sicuro effetto.

♥ Insalata di peperoni, cipolle e mirtilli.
4 cipolle rosse piccole (300 grammi)
2 peperoni (1 rosso e 1 giallo)
2 spicchi d’aglio
6 rametti di timo
140 grammi di mirtilli freschi
20 ml di aceto balsamico
60 ml di olio evo
sale integrale

Dimezzate i peperoni, privateli della parte bianca interna, fateli a pezzi e sistemateli in una teglia insieme alle cipolle pelate e tagliate a spicchi, all’aglio schiacciato e ai rametti di timo.
Coprite con dell’alluminio per alimenti e cuocete in forno a 180 gradi per 30-40 minuti, quindi scoprite e lasciate raffreddare.
Eliminate il timo e l’aglio, dividete in 4 porzioni ed ultimate con olio, aceto balsamico, sale e con i mirtilli freschi.
Fiori e germogli: questa insalata si abbina bene ai fiori di borragine e ai germogi di Shiso rosso.
La loro combinazione vi stupirà: lo shiso dona un bel colore al piatto e una nota piccante ma delicata, mentre i fiori di borragine apporteranno un lieve sapore di cetriolo e un bel colore blu intenso.

♥ Ghiaccioli al Gazpacho.
4 pomodori maturi
1 cetriolo pulito
2 cm di cipollotto fresco, pulito e tritato
5-6 cm di costa di sedano pulito
1 peperoncino rosso non piccante, pulito e privato dei semi
sale marino integrale
2 cucchiai di olio evo
1 cucchiaio di aceto di mele
pepe nero macinato fresco

Lavate e asciugate la verdura. Pelate i pomodori e privateli dei semi. Trasferite nel mixer tutti gli ortaggi tagliati a pezzi con il sale, l’olio, l’aceto e il pepe.
Una volta ottenuto un composto liscio versatelo negli stampi per ghiaccioli o in dei bicchierini e mettete in freezer.
Non appena la consistenza lo permetterà estraete i contenitori del freezer ed inserite i bastoncini di legno, quindi completate il congelamento.
Questi ghiaccioli sono perfetti per un aperitivo in terrazza, accompagnati da un buon cocktail e da chips di verza preparate cuocendo in forno a 150 gradi per pochi minuti delle foglie di verza pulite e spezzettate, che condirete poi con un mix di sale marino integrale, coriandolo, peperoncino e zenzero in polvere.

02_terra_nuova_edizioni

03_vegan_frutta_fiori_terra_nuova_edizioni

04_vegan_frutta_fiori_terra_nuova_edizioni

05_terra_nuova_edizioni

Follow on Bloglovin


Miss Bailing

Informazioni su Miss Bailing

Gypsetter, sognatrice, viaggiatrice entusiasta ed instancabile. La mia passione più grande sono i cavalli e il mio tesoro è Sero, un sauro di 25 anni con cui ho condiviso buona parte della mia esistenza. Come Emma Bovary anche io oscillo perennemente tra il mio lato mistico (che vorrebbe ritirarsi a meditare in un ashram indiano) e quello bohémien, il cui sogno nel cassetto è una chambre de bonne nel Marais.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.