#mytravels. Canne Bianche.



Nel cuore del parco Naturale Regionale delle Dune Costiere e poco distante dalla fiabesca Alberobello e dalla candida Ostuni c’è un buen retiro speciale che raccoglie in sé la quintessenza stessa dello stile mediterraneo.
Il Canne Bianche Lifestyle Hotel sorge su una mezzaluna di sabbia che si allunga fino al paesino di Torre Canne con il suo candido faro, ed è il punto di incontro ideale tra Terra, Cielo e Mare.
Qui tutto è bianco e azzurro: la piscina nelle mattine limpide è un tutt’uno con il cielo e con il mare al di là della bianca staccionata e le macchie di colore delle bouganville in fiore e dei fichi d’india carichi di frutti maturi vi incanteranno occhi e cuore.
Il bianco caratterizza anche gli interni insieme alla pietra, materiale mediterraneo per eccellenza, e ad una grande cura per i dettagli che rende ogni ambiente caldo ed accogliente.
A cominciare dalla hall, che è un vero e proprio spazio living da vivere in ogni momento del giorno: arredato con grandi divani è il luogo ideale dove sedersi a leggere, chiacchierare o sorseggiare un aperitivo durante la giornata, con la luce che entra dalle grandi vetrate, o di sera quando tutto è illuminato da lanterne e candele.
Le camere sono ad un tempo sofisticate ed essenziali: arredate con colori neutri e materiali naturali, hanno tutte bagni in marmo italiano dotati di vasca idromassaggio o walking-in shower; le Superior, perfette per un soggiorno romantico, hanno invece una terrazza o un patio attrezzato con chaise longue e vasca idromassaggio esterna.
Una grande attenzione per i dettagli e un’attenta ricerca caratterizzano anche la cucina del Canne Bianche che è ovviamente ispirata ai sapori del territorio e alle tradizioni locali, riproposte con originalità e sapienza dallo Chef Quirico Turrone.
La colazione poi è un vero e proprio trionfo di sapori e colori con l’enorme buffet pieno di delizie dolci e salate (molte homemade o a km zero) a cui è davvero impossibile resistere.
Non poteva mancare infine una piccola Spa, pronta ad accogliervi e coccolarvi con rituali ispirati a quelli tradizionali dei Paesi del Mediterraneo o ai principi dell’Ayurveda.

I wore: dress, & Other Stories; shoes, courtesy of Le Babe; turban, tailor made with indian silk; bag, Ferragamo vintage.

I wore: skirt, Prada; marinière, Asos; hat, vintage; shoes, courtesy of Rayne London.

I wore: loden jacket, Oberrauch Zitt; hat, vintage.

Follow on Bloglovin


bailing

Informazioni su bailing

Gypsetter, sognatrice, viaggiatrice entusiasta ed instancabile. La mia passione più grande sono i cavalli e il mio tesoro è Sero, un sauro di 25 anni con cui ho condiviso buona parte della mia esistenza. Come Emma Bovary anche io oscillo perennemente tra il mio lato mistico (che vorrebbe ritirarsi a meditare in un ashram indiano) e quello bohémien, il cui sogno nel cassetto è una chambre de bonne nel Marais.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *