#mytravels. Una passeggiata nel cuore barocco di Anversa.


Conoscete l’origine della parola “barocco”?
L’etimologia di questa parola si fa risalire al termine portoghese “barroco” che indica una perla dalla forma irregolare o al francese “baroque” che indica qualcosa di stravagante e bizzarro.
Pochi giorni fa sono volata ad Anversa con Visit Flanders per scoprire la città in occasione del festival “Anversa Barocca 2018. Rubens Inspires”, un festival ricco di appuntamenti all’insegna della bellezza, dell’arte e del bien vivre e un omaggio a Pieter Paul Rubens, il Maestro Fiammingo che è un po’ considerato l’icona della città.
La prima cosa che ho scoperto guardando a questa città, che conoscevo già piuttosto bene, da un punto di vista completamente differente è stata che qui il “barocco” non è cristallizzato nel passato (nelle facciate delle chiese, nelle sontuose porte spagnole e nell’oro delle 160 madonne che decorano i palazzi fiamminghi) ma è qualcosa di incredibilmente vivace, che rivive ogni giorno in forme artistiche differenti.
Tutto ad Anversa ha un suo gusto barocco pronto a soprendervi: la cucina creativa, il design, la street art, il lifestyle.
L’arte barocca rivela la sua incredibile modernità ed attualità anche nel suo essere la prima forma d’arte globale: è stata infatti la prima corrente artistica europea a varcare i confini del Vecchio Continente per approdare nelle lontanissime colonie d’Oriente, basti pensare alle architetture di Macao o alle grandiose chiese barocche di Goa Velha.
Una passeggiata alla scoperta dei gioielli barocchi di Anversa è quindi prima di tutto una passeggiata nel tempo, attraverso forme d’arte differenti che incanteranno i 5 sensi.


I miei 12 indirizzi imperdibili in bilico tra arte, cibo, lifestyle e street art:
La musica barocca vi attende nel cuore di Anversa con i concerti  del carillon formato da 47 campane ed ospitato all’interno dell’imponente campanile della Cattedrale di Nostra Signora. (Qui gli orari)
Di fronte alla cattedrale soffermatevi un istante ad ammirare la scultura dell’artista belga Tist Vermeulen dedicata alla commovente storia di Nello e Patrasche, l’orfanello innamorato delle tele di Rubens e il suo inseparabile vecchio cane.
 La chiesa gesuita di San Carlo Borromeo è la più antica Chiesa Barocca delle Fiandre e conserva al suo interno una preziosa tela di Rubens.
 A decorare le facciate degli antichi palazzi fiamminghi nel cuore di Anversa troverete ben 160 Madonne accompagnate dai loro baldacchini d’oro e dalle loro lanterne.
 La Snijders & Rockox House, dimora realizzata nel 1603 da Nicolaas Rockox (raffinato umanista ed amico e mecenate di Rubens), è oggi un museo che ospita importanti opere dei maggiori artisti fiamminghi.
 Proprio di fianco alla Rockox House, al di là di un elegante portone color rosa fragola, vi attende il lussuoso De Witte Lelie, un boutique hotel di sole 10 camere e Suite ospitato in un incantevole edificio del XVII secolo.
Qui potrete vivere un’esperienza barocca a 360 gradi tra pareti color oro, velluti cangianti, mosaici, sontuosi chandelier e colazioni prelibate.
L’indirizzo migliore per una serata glam è The Gilded, un boutique hotel di design ospitato in un antico palazzo del XIV secolo, la cui facciata è ornata da una delle porte barocche in stile spagnolo che si possono ammirare in città. Il bar ospitato all’interno dell’hotel è caratterizzato da un interior design sofisticato e il menu dei cocktail è stato messo a punto da alcuni tra i migliori bartender del Paese.

Il Plantin Moretus, antica residenza degli editori Christophe Plantin e Jan Moretus, è stato il primo museo al mondo ad essere dichiarato Patrimonio dell’Umanità UNESCO ed ospita circa trentamila volumi, due antiche presse e un meraviglioso giardino rinascimentale che è uno dei luoghi più instagrammati in città.
 Non potete visitare Anversa senza fare tappa alla Rubenshuis, la casa museo di Rubens dove potrete ammirare, tra le molte opere magnifiche, il famoso auto-ritratto del pittore fresco di restauro e un Tintoretto che apparteneva ad un collezionista d’eccezzione: il cantante David Bowie. Il giardino, che in questo periodo vi incanterà con il suo tripudio di peonie in fiore, è stato ricostruito ispirandosi a un dipinto di Rubens e allo stile dei giardini dell’epoca.
 Proprio di fianco alla casa di Rubens fermatevi a fare shopping nel Paleis op de Meir, famoso per essere uno dei negozi di cioccolata più belli al mondo, con i suoi affreschi e i suoi lampadari barocchi. A stupirvi però non sarà solo la meravigliosa location perché le praline del Maître Chocolatier Dominique Persoone connquisteranno irrimediabilmente le vostre papille gustative, incantandovi!
 Un’altra esperienza gastronomica fuori dal comune potrete viverla cenando alla tavola del Graanmarkt 13, il ristorante di Seppe Nobels riconosciuto come “Best Vegetable Restaurant 2015 of Flanders” dalla guida Gault Millau.
Lo Chef parteciperà a partire dall’Autunno ad un progetto con il food photographer Tony Le Duc che ha reinterpretato le nature morte del Maestro Fiammingo Frans Snijders e ha chiamato quindici Chef talentuosi a cucinare in chiave moderna le ricette barocche di Antonius Magirus.
 Ad Anversa anche la street art rende omaggio al barocco: in giro per la città vi aspettano infatti numerosi murales dipinti da artisti di fama provenienti da ogni parte del mondo, che hanno reinterpretato in chiave moderna i principi di questa corrente artistica.
Se volete cenare in un locale dall’atmosfera bizzarramente barocca vi consiglio l’Elfde Gebod (il nome significa “undici comandamenti”), un pub dove sorseggiare un’ottima birra belga a lume di candela, osservati da centinaia di statue sacre.


Info pratiche:
“Anversa Barocca 2018” è solo l’anteprima di un triennio tutto dedicato ai Maestri Fiamminghi e alla loro terra natale, le Fiandre, che porterà i turisti alla scoperta di uno speciale itinerario fatto di eventi, mostre e passioni.
Se volete ripercorrere il mio itinerario alla scoperta del cuore barocco di Anversa potete farlo prenotando la vostra passeggiata barocca qui.
Vi consiglio inoltre di acquistare la Baroque Festival Card, un pass di 48 ore che vi consentirà di accedere a tutti gli eventi del programma “Anversa Barocca 2018. Rubens inspires”.


bailing

Informazioni su bailing

Gypsetter, sognatrice, viaggiatrice entusiasta ed instancabile. La mia passione più grande sono i cavalli e il mio tesoro è Sero, un sauro di 25 anni con cui ho condiviso buona parte della mia esistenza. Come Emma Bovary anche io oscillo perennemente tra il mio lato mistico (che vorrebbe ritirarsi a meditare in un ashram indiano) e quello bohémien, il cui sogno nel cassetto è una chambre de bonne nel Marais.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *