#food. Gelsomina.


Gelsomina è una nuova pasticceria (ma non solo) aperta tra Porta Venezia e Repubblica.
Questo locale dedicato a tutto quello che è Sud Italia: partendo dai dolci della colazione e della merenda fino alle preparazioni deliziose pensate per il pranzo e tutte ispirate alla tradizione gastronomica meridionale.
Le brioches fragranti a colazione, i piccoli peccati di gola pomeridiani e le specialità salate all’ora di pranzo non lasceranno delusi nemmeno i palati più esigenti.
Tra maritozzi con la panna, cannoli siciliani, cassatine e crostate (tutto rivisitato in chiave fresca ed elegante) vi verrà raccontato il Sud Italia in chiave gourmet, con un’attenzione particolare alla stagionalità dei prodotti.
A pranzo Gelsomina propone una serie di antipasti/sfizi da accompagnare ad un buon calice di vino: troverete le immancabili panelle (ma servite con crema di avocado e limone), arancine ai funghi, caponatina di melanzane e un meraviglioso toast di pane tumminia con avocado, uovo pochè e paprika, perfetto anche per una colazione tardiva.
Tra i primi ci sono orecchiette, busiate e vellutate e per secondo le imperdibili polpette al sugo o il baccalà fritto.
Il pane infine è quello del Panificio Longoni.

Incuriosite dal nome abbiamo chiesto ad uno dei fondatori come è nata l’idea di chiamare questo locale Gelsomina: “Volevamo un nome che rievocasse una nonna o qualche cosa di simile per far sentire i nostri clienti in una dimensione famigliare. Navigando in rete c’era già di tutto ma ad un certo punto è saltato fuori Gelsomina e abbiamo capito che era il nome giusto da dare al locale. Al momento non pensiamo di espanderci, anche se una formula come questa potrebbe prestarsi bene per altre aperture, magari alleestero. Il nostro sogno potrebbe essere Parigi, ma Gelsomina non è un progetto destinato ad essere replicato, almeno nel breve periodo”.
Il locale è stato pensato per essere accogliente e rilassante ed è stato realizzato utilizzando materiali di recupero e oggetti di artigianato italiano; i tavoli e le sedie in ferro battuto, ad esempio, sono stati realizzati da artigiani di Orvieto.
Il resto è Gelsomina style: pareti con carta da parati fiorita, tocchi stilosi qua e là, pavimento in cemento e piastrelle di ceramica dipinte a mano, fichi d’India e tazzine con i fiorellini e le bordature dorate come quelle delle nostre nonne.
Per sottolineare che il vero piatto forte della casa è la pasticceria entrando sarete accolti da una favolosa vetrina che propone tutte le golosità de pasticciere Macro Spera.
I dolci classici del Sud Italia sono proposti in una chiave elegante e raffinata, sia in formato “normale” che mignon.
Da assaggiare assolutamente il cannolo, il tiramisù con la ricotta di bufala e la meringa con crema di limone.


Linda

Informazioni su Linda

37 anni, insegnante, viaggiatrice e un sogno: poter correre nei musei come Jules e Jim. Ama fare e disfare le valigie, crede che sia bello partire e anche ritornare. Odiava Milano ed ora non riesce più a farne a meno. È diventata la città che può chiamare casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.