#mytravels. I migliori Instagram spot tra Vilnius e Uzupis.



Terza ed ultima guida agli Instgram spot delle Capitali Baltiche.
Se avete già letto i miei post dedicati a Tallinn e a Riga, saprete già che a rapirmi irrimediabilmente il cuore è stata la capitale Estone, che per me rimane una delle più belle città in Europa.
Vilnius invece è completamente diversa: più dimessa e decadente questa città non sembra appena uscita, come le altre due, da un libro di favole nordiche ma porta ancora evidenti i segni della lunga dominazione sovietica.
Non fraintendetemi: Vilnius ha comunque un suo fascino che è legato soprattutto al fatto di ospitare, nel cuore della sua Old Town, una minuscola e strampalata Repubblica Indipendente con la Carta Costituzionale più tenera di sempre.

Sto parlando della Repubblica di Uzupis con i suoi 7 ponti sul fiume Vilnia, con la sua comunità di artisti ed intellettuali e con quell’atmosfera unica, in bilico tra il bohemienne e il fatiscente.
Oggi nell’autoproclamatasi Repubblica di Uzupis (fondata nel 1997 dal regista Romas Lileikis) vivono circa 7000 persone che possono vantare come concittadino onorario nientepopodimenoché il Dalai Lama.
Il giorno migliore per visitare Uzupis è sicuramente il 1 di Aprile (giorno della sua fondazione), quando l’accesso ai ponti viene sbarrato e per entrare bisogna addirittura farsi mettere un timbro sul passaporto.
Questa stramba Repubblica celebra i suoi valori costituzionali attraverso 41 articoli che vi faranno sorridere ma anche commuovere e che sicuramente vi faranno desiderare di ottenere la sua cittadinanza.
Tutti devono poter piangere. Tutti hanno diritto di celebrare o non celebrare il proprio compleanno. Tutti hanno il diritto di non capire. Tutti hanno il diritto di apprezzare la propria scarsa importanza. A volte si ha il diritto di non conoscere i propri doveri. Tutti hanno il diritto di oziare. Ogni cane ha diritto di essere un cane. Ogni uomo ha il diritto di prendersi cura di un cane fino a quando uno dei due muore. Un gatto non è obbligato ad amare il suo padrone, ma deve essere di aiuto nei momenti difficili. Tutti hanno il diritto di essere mediocri e sconosciuti. Tutti hanno il diritto di morire ma non è un obbligo.
Come potrete facilmente immaginare il mio Instagram spot preferito a Vilnius è ovviamente Uzupis, con i suoi vicoli scalcinati ricoperti di murales, con il suo angelo alato, con la sua carta costituzionale così naïf, con le sue pasticcerie, le sue sale da tè, le sue minuscole ed affollate birrerie e i suoi ristorantini vegetariani.
Attraversando di nuovo il fiume e ritornando in terra lituana vi consiglio invece di scattare qualche foto in Literatų gatvė (una viuzza colorata dedicata all’opera di scrittori e letterati) e di godervi il panorama mozzafiato dalla cima della Gediminas Tower.

 


Miss Bailing

Informazioni su Miss Bailing

Gypsetter, sognatrice, viaggiatrice entusiasta ed instancabile. La mia passione più grande sono i cavalli e il mio tesoro è Sero, un sauro di 25 anni con cui ho condiviso buona parte della mia esistenza. Come Emma Bovary anche io oscillo perennemente tra il mio lato mistico (che vorrebbe ritirarsi a meditare in un ashram indiano) e quello bohémien, il cui sogno nel cassetto è una chambre de bonne nel Marais.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.