My Pondicherry Diaries #4. Le Dupleix.


Se state programmando un’escapade romantica a Pondicherry l’hotel dove soggiornare è senza dubbio Le Dupleix, un lussuoso boutique hotel di sole 14 stanze nel cuore della White Town.
L’albergo, di proprietà del brand Hidesign, è ospitato in un affascinante edificio del XVIII secolo che fu residenza del sindaco della città durante il periodo della dominazione coloniale francese e che è stato riportato al suo antico splendore con un’attenta opera di restauro curata dall’Indian National Trust for Art and Cultural Heritage (INTACH).
Al di là della candida facciata, che mescola perfettamente elementi architettonici Francesi e Tamil, vi aspetta un viaggio a ritroso nel tempo e un’atmosfera quieta e romantica che vi farà sicuramente innamorare.
Nel cortile interno troneggia un albero di mango centenario le cui fronde sfiorano i porticati ombrosi, dove troverete ad attendervi i grandi dondoli d’epoca coloniale dove sdraiarvi a leggere o a sonnecchiare, cullati dal canto di centinaia di uccelli e dalla brezza gentile che nel tardo pomeriggio soffia dal mare, addolcendo e rendendo più sopportabile la calura tropicale.
Qui i rumori della città giungono attutiti e tutto invita al riposo e alla contemplazione.
Le camere sono tutte diverse una dall’altra e hanno grandi finestre che si affacciano sui portici interni o sui deliziosi balconcini esterni, con le caratteristiche ringhiere in ferro battuto e le romantiche sdraio d’epoca coloniale, dove sedersi a sorseggiare un bicchiere di vino mentre il sole al tramonto tinge il cielo d’arancio e viola.
Alcune stanze hanno i soffitti in legno intagliato e conservano i pavimenti originali dell’epoca, altre assomigliano alla cabina di un antico veliero della Compagnie des Indes Orientales, altre ancora hanno scalette a chiocciola, soppalchi e ventilatori vintage perfettamente funzionanti.
Nessun dettaglio è lasciato al caso: qui l’atmosfera unica che si respira nella White Town è amplificata e vi sembrerà di essere ospiti del Marchese Dupleix in persona, il Governatore Generale delle Indie Francesi a cui l’hotel deve il nome.
La cucina gourmet di questo romantico boutique hotel è affidata, come quella del vicino The Promenade, all’Executive Chef Peram Mohan che si è formato lavorando per sette anni per il brand di hotel di lusso Jumeirah e che vizierà i vostri palati con una cucina fusion, che mescola sapientemente i sapori del Tamil Nadu a quelli della lontana Francia.
Il Governor’s Lounge Bar,
ospitato anch’esso all’interno dell’hotel, è invece famoso per essere il primo Bar aperto a Pondicherry e vi incanterà con la sua sofisticata atmosfera vintage e la bellezza degli arredi.


Miss Bailing

Informazioni su Miss Bailing

Gypsetter, sognatrice, viaggiatrice entusiasta ed instancabile. La mia passione più grande sono i cavalli e il mio tesoro è Sero, un sauro di 25 anni con cui ho condiviso buona parte della mia esistenza. Come Emma Bovary anche io oscillo perennemente tra il mio lato mistico (che vorrebbe ritirarsi a meditare in un ashram indiano) e quello bohémien, il cui sogno nel cassetto è una chambre de bonne nel Marais.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.