Fashion Design Made in Venice 2016. Declare.


Declare_02

Il Natale è ormai alle porte e questo mese le vetrine dell’Oriental Bar dell’Hotel Metropole, in occasione della quinta edizione di Fashion Design Made in Venice (la manifestazione dedicata ad artigiani ed artisti veneziani ideata da Gloria Beggiato), ospitano le borse di Declare.
Questo brand giovanissimo, che ha debuttato all’inizio del 2014, ha uno stile già ben definito, molto casual e contemporaneo, che contrasta con la decadente opulenza della città lagunare che Omar Pavanello ed Emanuel Cestaro, rispettivamente amministratore e direttore creativo di Declare, hanno scelto come “casa”.
La loro è stata una sfida (preceduta da un attento lavoro di ricerca sia in Italia che all’estero) e una dichiarazione d’indipendenza rispetto alle classificazioni e ai ruoli precostituiti.
Alla base di Declare c’è l’altissimo potenziale dell’artigianato made in Italy: quell’arte del saper fare custodita (e spesso tramandata di generazione in generazione) da talentuosi artigiani e produttori indipendenti che tutto il mondo ci invidia.
Le borse di Declare sono oggetti di lusso contemporaneo che nascono da un rapporto di fiducia e consulenza tra il designer e gli artigiani e da uno studio approfondito del know how e delle materie prime.
La concia ad esempio è stata messa a punto in modo da donare alle pelli utilizzate un aspetto che “matura” con l’uso quotidiano, rendendo ogni pezzo assolutamente unico e personale.
Le fonti di ispirazione sono sicuramente i grandi maestri dello stile ma anche e soprattutto le arti maggiori, in primis Architettura e Pittura, da cui vengono presi in prestito proporzioni, linee ed accostamenti cromatici.
Lo stile minimal ed essenziale di Declare è in continua evoluzione, anche grazie al ruolo dei due monomarca veneziani, che hanno permesso di testare e valutare la risposta del mercato su una clientela internazionale e cosmopolita, velocizzando il processo di conoscenza.
Monomarca che sono perfettamente in linea con lo stile anticonformista e raffinato del brand: la boutique situata in San Polo ad esempio, che è in una posizione un po’ defilata rispetto ai flussi turistici più massicci, si ispira con la sua tavolozza monocromatica all’architettura modernista italiana e ha un bellissimo pavimento in marmo nero che ricorda i riflessi sull’acqua delle notti veneziane.

declare_03

Follow on Bloglovin


Miss Bailing

Informazioni su Miss Bailing

Gypsetter, sognatrice, viaggiatrice entusiasta ed instancabile. La mia passione più grande sono i cavalli e il mio tesoro è Sero, un sauro di 25 anni con cui ho condiviso buona parte della mia esistenza. Come Emma Bovary anche io oscillo perennemente tra il mio lato mistico (che vorrebbe ritirarsi a meditare in un ashram indiano) e quello bohémien, il cui sogno nel cassetto è una chambre de bonne nel Marais.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.