#mytravels. Chefchaouen, la perla blu. 2


Chefchaouen, la città blu, era nella mia bucket list da tempo immemore (insieme alla candida Essaouira) ed arrivare finalmente a perdermi tra i suoi vicoli colorati d’azzurro è stata un’emozione indescrivibile.
Fondata nel 1471 da esiliati andalusi è stata a lungo considerata una città sacra e come tale è rimasta chiusa per molti secoli agli stranieri; anche oggi fortunatamente il turismo di massa non ha raggiunto le sue stradine strette abbarbicate sul fianco della montagna e, perdendosi con occhi pieni d’incanto tra le sue mille sfumature d’azzurro, si può ancora godere di un’atmosfera indescrivibile e come sospesa nel tempo.
Consigliarvi cosa vedere a Chefchaouen sarebbe inutile perché qui l’imperativo è quello di vagare senza meta tra vicoli, scalinate e scorci fiabeschi, lasciandovi semplicemente conquistare dalla bellezza senza uguali della Perla Blu.
Siccome però, che arriviate a Chefchaouen da Tangeri o dall’antica Fès, raggiungerla è sempre piuttosto complicato oggi voglio raccontarvi la nostra esperienza di female travelers.
Quando abbiamo deciso di fare questo viaggio on the road dall’Andalusia al Nord del Marocco il nostro primo (ed ingenuo) pensiero è stato quello di muoverci con i mezzi pubblici.
In realtà, se è relativamente comodo e veloce raggiungere Fès da Tangeri in treno, abbiamo scoperto con costernazione che Chefchaouen è raggiungibile solo in autobus con tempi di percorrenza biblici.
Abbiamo quindi valutato l’opzione di noleggiare un auto ma ci siamo subito fatte scoraggiare non solo dalle 6 ore di macchina necessarie per compiere l’intero tragitto da Tangeri a Fès via Chefchaouen, ma anche dai costi che avrebbe comportato un noleggio one way con pick up nel porto di Tangeri Med che, come vi raccontavo, definire una cattedrale nel deserto è un eufemismo!
Quando ormai eravamo così scoraggiate da star quasi per abbandonare l’idea di fare tappa a Chefchaouen ci siamo imbattute in TangierTaxi, un servizio di transfer privati con servizio door-to-door e la possibilità di personalizzare a proprio piacimento gli itinerari, e nel giro di 24 ore tutti i nostri problemi erano risolti!
Il servizio clienti di TangierTaxi è infatti veloce ed efficiente e sono bastati pochi scambi di email per organizzare un transfer che soddisfacesse tutte le nostre esigenze: pick-up al Riad dar Tanja di Tangeri, drop-off nel bellissimo Relais & Chateaux di cui siamo state ospiti a Fès, uno stop di tre ore a Chefchaouen per visitare la città e una macchina super confortevole dotata di aria condizionata, acqua minerale complimentary e dispositivo WiFi (che è un po’ il sogno proibito di ogni blogger che si trovi a combattere contro l’incubo del roaming: volete mettere poter impiegare le 6 ore abbondanti di viaggio postando sui nostri canali social e smaltendo le email arretrate tra un sonnellino e l’altro?!).
Prenotare un transfer con TangierTaxi non è solo veloce ma anche facile e sicuro: una volta concordato il servizio non si deve far altro che compilare un form e pagare un piccolo acconto via Paypal; la sera prima del viaggio si riceve un’email con il nome e il numero di telefono dell’autista che effettuerà il transfer e il saldo verrà pagato in contanti solo una volta arrivati a destinazione.
Noi ci siamo trovate benissimo e vi consigliamo di cuore questo servizio che è sicuramente l’ozpione più comoda e sicura nel caso decidiate di fare un viaggio only women in Marocco.


bailing

Informazioni su bailing

Gypsetter, sognatrice, viaggiatrice entusiasta ed instancabile. La mia passione più grande sono i cavalli e il mio tesoro è Sero, un sauro di 25 anni con cui ho condiviso buona parte della mia esistenza. Come Emma Bovary anche io oscillo perennemente tra il mio lato mistico (che vorrebbe ritirarsi a meditare in un ashram indiano) e quello bohémien, il cui sogno nel cassetto è una chambre de bonne nel Marais.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 commenti su “#mytravels. Chefchaouen, la perla blu.

  • Fabiana

    Carissima,
    Ho fatto overdose di immagini esteticamente perfette. Le atmosfere sulle terrazze di Fes sono indimenticabili e tu continui ad essere la migliore fabbricante di sogni e di desideri.Un grande abbraccio dopo tanto tempo.Fabiana

    • bailing
      bailing L'autore dell'articolo

      Cara Fabiana,
      che bello sentirti!
      Come stai?
      Grazie davvero per le tue parole <3 Un abbraccio grande e scrivimi quando hai tempo!