Rosé all day.


Che siano bollicine o vini fermi non riesco ad immaginare niente di meglio di un rosé per brindare a questo mese di Maggio appena iniziato che, insieme a fioriture, giornate di sole e serate tiepide, quest’anno sta portando con sé anche le tanto agognate riaperture.
Ecco quindi una piccola selezione di vini italiani e francesi con cui brindare alla bella stagione.

♥ Cremant d’Alsace Brut “Perle Rosé” di Arthur Metz.
Un vino di grande eleganza e versatilità che nasce da uve 100% Pinot Nero.
Di colore rosa pesca brillante, al naso esprime con grande finezza le note della varietà da cui nasce, con piccoli frutti rossi, accompagnato da un finale di note agrumate e leggermente speziate.
La sua finezza lo rende un metodo classico di grande bevibilità e un vino di alta qualità ad un prezzo contenuto.

♥ Chartron et Trébuchet Cremant de Bourgogne Pinot Noir Brut Rosé.
Questo vino prodotto da uve 100% Pinot Nero, svela tutta la raffinatezza dei Cremant de Bourgogne.
Un metodo classico brut dal perlage fine e persistente, con note di agrumi e bacche rosse che si fondono a formare un bouquet ricco e delicato.

♥ Cotes de Provence AOC Chateau de La Galiniere.
Interminabili distese di lavanda, piante aromatiche, borghi arroccati e paesaggi che hanno incantato artisti come Van Gogh e Cézanne: la Provenza è una delle regioni più suggestive della Francia ma anche uno straordinario territorio vinicolo.
I suoi rosati sono eleganti e freschi, salini e minerali, come questo vino (biologico certificato) che nasce da uve 60% Cinsault, 20%, Syrah e 20% Vermentino.
Di colore rosa salmone tenue con riflessi argentati, al naso è intenso, con note agrumate e sentori di fiori d’arancio. L’annata 2020 ha recentemente ottenuto 91 punti dalla prestigiosa testata americana Wine Enthusiast.

♥ Barthenau Brut Rosé Tenuta Hofstätter.
La Tenuta Hofstätter di Tramin- Termeno (BZ) propone il Barthenau Brut Rosé Metodo Classico, espressione della tenuta Barthenau, situata nella zona di Mazon, la più vocata area di Pinot Nero in Italia e una tra le più vocate al mondo.
In questo spumante brut, in edizione limitata di sole magnum da 1,5 litri, si riconoscono tutta la concentrazione e i profumi dei grappoli del Pinot Nero che hanno reso nobile questo metodo classico.

♥ Manzoni Rosa Millesimato Extra Dry Ca’ di Rajo.
La cantina trevigiana Ca’ di Rajo propone un rosé ricavato da uno vitigni più rari al mondo: il Manzoni Rosa.
Un autoctono raro coltivato a Bellussera, un metodo di allevamento della vite in via di estinzione.
Il Manzoni Rosa è un pezzo di storia della viticoltura: questa varietà dagli acini rosa nacque infatti grazie alle sperimentazioni del prof. Manzoni, un genetista che tentò un miglioramento genetico della vite, incrociando le varietà Traminer e Trebbiano.
Delicato e raffinato, con note fragranti di frutti di bosco, agrumi, rosa passita e albicocca matura questo Extra Dry Millesimato si presenta strutturato con un’ ottima armonia tra acidità e zuccheri.

♥ Frappato spumante Rosé Brut Santa Tresa.
Questo vino è il primo esempio di Frappato Rosé spumante biologico prodotto in Sicilia.
100% Frappato, con uve vendemmiate a mano in piccole cassette all’inizio di Settembre e refrigerate per circa 48 ore prima di essere pressate.
La spumantizzazione viene attivata da ceppi di lieviti specifici (biologici) che lavorano molto lentamente e a basse temperature, garantendo il mantenimento della freschezza e delle note fruttate tipiche del Frappato.
Il risultato è uno spumante di un delicato color rosa salmone, con un perlage fine e persistente, fresche note fruttate al naso ed eleganti accenni di fragolina di bosco,sfumature agrumate e una fresca e piacevole acidità.


Miss Bailing

Informazioni su Miss Bailing

Gypsetter, sognatrice, viaggiatrice entusiasta ed instancabile. La mia passione più grande sono i cavalli e il mio tesoro è Sero, un sauro di 27 anni con cui ho condiviso buona parte della mia esistenza. Come Emma Bovary anche io oscillo perennemente tra il mio lato mistico (che vorrebbe ritirarsi a meditare in un ashram indiano) e quello bohémien, il cui sogno nel cassetto è una chambre de bonne nel Marais.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.