#mytravels. 5 cose da fare a Taghazout.


Taghazout era un semplice villaggio di pescatori pochi km a Nord di Agadir, sulla spettacolare Costa Atlantica del Sud del Marocco; lambito dal deserto e dal mare Taghazout nel corso degli anni si è trasformato in un celebre hotspot per surfisti, yogini e globetrotters grazie alle sue onde e alla sua atmosfera bohemien: immaginate una destinazione a metà strada tra Goa, Ibiza e Rishikesh e potrete farvi un’idea di cosa vi aspetterà spingendovi fin quaggiù!
Il villaggio sorge abbarbicato sugli scogli a picco sul mare ed è pieno di scorci pittoreschi: murales coloratissimi, caffé in stile berbero, ristorantini affacciati sul mare, negozietti di souvenir, portoncini decadenti, giardini di cactacee, vecchie Renault 4 dipinte di rosa, tavole da surf ovunque e tramonti stupefacenti.
Qui si viene principalmente per rilassarsi, fare yoga e cavalcare le onde ma non mancano destinazioni interessanti nell’entroterra come la Paradise Valley con le sue stupefacenti piscine naturali, una location celebre tra gli hippy negli anni ’60 dove pare abbia trascorso del tempo perfino Jimi Hendrix!

5 cose da fare a Taghazout, nel Sud del Marocco.
♥ Yoga Retreat.
Se avete voglia di concedervi un po’ di tempo solo per voi perché non regalarvi uno yoga retreat?
Il DFrost Almugar offre pacchetti di yoga e meditazione per la stagione estiva, nella suggestiva location di Villa Surya, una dimora ospitata ai margini di una riserva naturale a Imi Ouaddar, poco distante da Taghazout.
Retreat o meno una lezione di yoga a Taghazout è un must to do (almeno quanto una lezione di surf!), specialmente se non avete mai praticato in riva al mare, con il rumore delle onde! Durante il mio soggiorno ho avuto modo di provare una lezione privata di yin yoga sul rooftop del mio hotel e devo dire che è stata una delle esperienze più rilassanti degli ultimi mesi!

♥ Surf.
I mesi migliori per fare surf a Taghazout sono quelli che vanno da Ottobre a Febbraio, ma il gran numero di spiagge nei dintorni può regalare qualche emozione anche in Estate, magari spostandovi più a Nord fino a Plage Imsouane o alla selvaggia e bellissima spiaggia di Iftane.
♥ Banana Village.
Pochi km a sud di Taghazout sorge Aourir, una cittadina conosciuta con il soprannome di Banana Village per il gran numero di pittoresche bancarelle di frutta.
Inutile dirvi che questo è un Instagram Spot imperdibile!
♥ BBB Bohemian Berber Bar.
Questo non è solo il place to be per godersi l’ora del tramonto a Taghazout ma è probabilmente anche uno dei caffé più Instagrammabili che abbia mai visitato!
L’atmosfera boho-chic è assicurata dal decor in perfetto stile berbero (vi dico solo che mi sono talmente innamorata dei tappeti azzurri e dei cuscini bianchi e argento da comprarne di identici per la mia dressing room!) e il menù propone smoothies deliziosi e cocktails impeccabili.
♥ Sunset Catcher.
Come avrete già capito i tramonti su questo tratto di costa sono a dir poco stupefacenti e ci sono centinaia di spiagge perfette da cui ammirarli.
Io ne scelgo una, la Roche de Diable ad Aourir, più che altro per un motivo sentimentale: questa è infatti la perfetta mezzaluna di sabbia incastonata tra le rocce, da cui ho ammirato il mio primo tramonto in un altro Continente dopo la pandemia.
Non so voi, ma io davvero non riesco ad immaginare un momento più speciale ed emozionante!

 

 

 


Miss Bailing

Informazioni su Miss Bailing

Gypsetter, sognatrice, viaggiatrice entusiasta ed instancabile. La mia passione più grande sono i cavalli e il mio tesoro è Sero, un sauro di 27 anni con cui ho condiviso buona parte della mia esistenza. Come Emma Bovary anche io oscillo perennemente tra il mio lato mistico (che vorrebbe ritirarsi a meditare in un ashram indiano) e quello bohémien, il cui sogno nel cassetto è una chambre de bonne nel Marais.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.